Cultura

La pianta di Rodi Garganico nel 1600

Il Castello di Rodi era molto importante, sia dal punto di vista topografico – col dominare torri di Peschici, nonché quella zona di levante fino a quelle di ponente e a torre Miletta – che da quello commerciale col suo pregiato Portus Garnae ai suoi piedi, che da quella struttura muraria, assai massiccia, imponente e molto antica. Esso era composto ...

Leggi Articolo »

Il ritrovamento del portale del castello di Rodi Garganico

La figura del portale del castello di Rodi, pubblicata nel n° 1 del gennaio 1952 de “Il Gargano”, a cura dello scrittore Michelangelo De Grazia, è di proprietà letteraria dell’ancora vivente Cav. Antonio Sacco fu Giovanni, ex archivista del Comune di Rodi Garganico. Il Sacco rilevò il disegno del portale del Castello da una smunta fotografia (attualmente andata dispersa) di ...

Leggi Articolo »

Gargano storico: il castello di Rodi Garganico

L’epoca della sua fondazione si perde, come tante cose, nel buio dei tempi, e sbaglia chi vuole fissarne esattamente la data al 1535, cioè all’epoca in cui il vicerè di Napoli, Don Pietro di Toledo, per difendere la regione dalle scorrerie dei Turchi, fece costruire e rafforzare castelli e torri lungo tutta la costa garganica ed anche oltre. Il Giannone ...

Leggi Articolo »

Storia della chiesa dei SS. Pietro e Paolo

Frate Francesco fondò il suo ordine monacale che fu riconosciuto da papa Onorio III nel 1220. I frati francescani, animati da uno zelo evangelico improntato alla povertà e alla sobrietà dei costumi, fondarono conventi per tutta la penisola italica, uno di questi proprio a Rodi Garganico. Non mi è stato possibile rintracciare la data storica di tale avvenimento; si può ...

Leggi Articolo »

Storia dell’icona della Madonna della Libera. Oltre la leggenda

“A pochi passi dalla città di Rodi Garganico” (così avrebbe potuto scrivere un testimone sul finire dell’800) “è edificato il tempio di Maria SS. della Libera, antica e soppressa abbazia . Era a quei tempi un’abbazia molto ricca, con terreni coltivati ed alberi da frutta”. Anche riguardo all’effige della Vergine che qui si venera, il nostro ipotetico testimone, avrebbe dato ...

Leggi Articolo »
error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici