Appuntamenti liturgici dal 23 al 29 settembre 2019

Vi è prima una parabola e poi una serie di ammonimenti che commentano un elemento della parabola stessa e cioè l’uso del denaro. La parabola, come è ovvio, non loda il fattore perché è disonesto, ma perché ha la chiarezza e la decisione di imboccare l’unica via di salvezza che gli si prospetta. Si sa che l’arte di cavarsela è molto applicata nelle ambigue imprese di questo mondo. Lo è molto meno nella grande impresa della salvezza eterna. Perciò Gesù ci rimprovera di essere più pronti a salvarci dai mali mondani che dal male eterno, lui che da parte sua ha fatto di tutto perché fossimo salvati, fino a salire in croce per noi. Non ci decidiamo a credere che, se non portiamo il nostro peccato davanti a Dio, siamo perduti. Cominciamo le nostre Messe confessando i peccati che abbiamo commessi, ma usciti di chiesa ricominciamo a parlare di quelli altrui.

Un “test” decisivo dell’autenticità della nostra decisione cristiana è proprio l’uso del denaro. Non è disonesta la ricchezza in sé, né maledizione la ricchezza esteriore. Ma lo è la ricchezza come idolo, innamoramento e progetto, come deformazione interiore del cuore e della mente, che vogliono a tutti i costi essere produttori di potenza e quindi di potere economico. Occorre decidersi a scegliere: o mammona o Dio; cioè: o essere il signore per signoreggiare o servire il Signore e godere della sua onnipotenza d’amore.

C’è un solo modo di liberarsi dalla schiavitù della ricchezza: farsi “amici” per mezzo di ciò che si ha, cioè con l’impegno della solidale condivisione.

DOMENICA 22 SETTEMBRE (verde)

+ XXV DOMENICA TEMPO ORDINARIO
Liturgia delle ore prima settimana

Am 8,4-7; Sal 112; 1Tm 2,1-8; Lc 16,1-13
Benedetto il Signore che rialza il povero

Ore 08,30 Santa Messa Chiesa San Pietro

Ore 10,30 Santa Messa Santuario

Ore 18,30 Santa Messa Santuario

LUNEDÌ 23 SETTEMBRE (bianco)

Liturgia delle ore prima settimana

S. Pio da Pietrelcina – memoria
Esd 1,1-6; Sal 125; Lc 8,16-18
Grandi cose ha fatto il Signore per noi

Ore 18,30 Santa Messa Piazza Padre Pio nelle festa di San Pio da Pietrelcina
MARTEDÌ 24 SETTEMBRE (verde)

Liturgia delle ore prima settimana

Esd 6,7-8.12b.14-20; Sal 121; Lc 8,19-21
Andremo con gioia alla casa del Signore

Ore 18,30 Santa Messa Chiesa San Pietro. Novena a San Michele
MERCOLEDÌ 25 SETTEMBRE (verde)

Liturgia delle ore prima settimana

Esd 9,5-9; Cant. Tb 13; Lc 9,1-6
Benedetto Dio che vive in eterno

Ore 18,30 Santa Messa Chiesa San Pietro. Novena a San Michele
GIOVEDÌ 26 SETTEMBRE (verde)

 Liturgia delle ore prima settimana

Ss. Cosma e Damiano – memoria facoltativa
Ag 1,1-8; Sal 149; Lc 9,7-9
Il Signore ama il suo popolo

Ore 18,30 Santa Messa Chiesa San Pietro. Novena a San Michele
VENERDÌ 27 SETTEMBRE (bianco)

Liturgia delle ore prima settimana

S. Vincenzo de’ Paoli – memoria
Ag 1,15b – 2,9; Sal 42; Lc 9,18-22
Spera in Dio, salvezza del mio volto e mio Dio

Ore 18,30 Santa Messa Chiesa San Pietro. Novena a San Michele
SABATO 28 SETTEMBRE (verde)

Liturgia delle ore prima settimana

S. Venceslao – memoria facoltativa
Ss. Lorenzo Ruiz e compagni – memoria facoltativa
Zc 2,5-9.14-15a; Cant. Ger 31,10-12b.13; Lc 9,43b-45
Il Signore ci custodisce come un pastore il suo gregge

Ore 18,30 Santa Messa Chiesa San Pietro. Novena a San Michele. Segue preghiera Comunità Gesù ama

Ore 18,30 Santa Messa Convento Santo Spirito

DOMENICA 29 SETTEMBRE (verde)

+ XXVI DOMENICA TEMPO ORDINARIO
Liturgia delle ore seconda settimana

Am 6,1a.4-7; Sal 145; 1Tm 6,11-16; Lc 16,19-31
Loda il Signore, anima mia

Ore 08,30 Santa Messa Chiesa San Pietro

Ore 10,30 Santa Messa Santuario

Ore 18,30 Ritrovo San Pietro per sfilata santi verso il Santuario

Ore 19,30 Santa Messa Santuario. Segue processione con le Statue di San Michele, San Pio da Pietrelcina e la Madonna Addolorata per le vie cittadine

Vangelo (Lc.16,1-13: Non potete servire Dio e la ricchezza)

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù diceva ai discepoli:
«Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: “Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare”.
L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua”.
Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: “Tu quanto devi al mio padrone?”. Quello rispose: “Cento barili d’olio”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. Poi disse a un altro: “Tu quanto devi?”. Rispose: “Cento misure di grano”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta”.
Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce.
Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne.
Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?
Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza».

Parola del Signore.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici