Tecnico Cagnano, Costanzucci: «Dall’UDC soltanto speculazione»

“Se l’Amministrazione non finisce mai di stupire, come scrive la sezione cagnanese dell’UDC, la consistenza delle loro accuse è pari a zero.” Lapidario il commento del sindaco Claudio Costanzucci Paolino alle accuse di presunte irregolarità mosse dal partito di opposizione per la scelta del nuovo tecnico comunale.

“L’UDC parla di pasticcio, ma evidentemente la confusione la stanno facendo loro – continua il sindaco della cittadina garganica – perché non si tratta di un concorso pubblico ma di un avviso pubblico, in pieno rispetto dell’art. 11o del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, N. 267 Testo Unico delle Leggi sull’ordinamento degli Enti Locali. In secondo luogo ci si vuole appigliare a presunte irregolarità sulla verifica dei requisiti che tra l’altro è un compito che è stato svolto dalla Commissione e non dall’Amministrazione comunale.

Infatti, se all’avviso pubblico con criteri specifici di selezione hanno risposto in 14, dalla Commissione sono stati selezionati 3 candidati per il colloquio orale (di cui uno non si è presentato), da cui poi è scaturita la scelta. Completata la selezione, la Commissione ha comunicato al sindaco i nominativi dei due tecnici idonei. Solo dopo il sindaco ha proceduto alla nomina. Tutto nel pieno rispetto delle leggi. I presunti errori a cui fa riferimento la nota dell’UDC di Cagnano sono inesistenti, perché la Commissione mi ha confermato che entrambi i tecnici avevano i requisiti previsti dal bando per essere nominati. È scorretto oltre che falso affermare che uno dei tecnici (forse quello meno gradito all’opposizione?) non abbia i requisiti per ricoprire questo incarico. L’ing. Di Lella è un professionista con tanti anni di esperienza (anche presso altri Comuni) e in piena attività.

Per la Commissione ci sono tutti i requisiti richiesti e in particolare ha l’esperienza sufficiente in posizione identica presso altri Enti pubblici. Quanto alla presunta incompatibilità, il tecnico, prima di essere assunto ha lasciato gli altri incarichi che ricopriva.

È un diritto del candidato non scelto presentare reclami, ma non si può dire la stessa cosa per il rilancio dello stesso da parte dell’Udc di Cagnano, che pur di sopperire alla mancanza di un’opposizione vera e seria preferisce cimentarsi in invettive strumentali e prive di senso nei confronti dell’Amministrazione
D’altronde, negli anni questa minoranza è stata capace solo di usare la macchina del fango, per provare a delegittimare chi amministra onestamente e nel rispetto delle leggi. Ma anche questa volta non ci riusciranno.”

1 Commento

Commenta

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici