Ecco il progetto «Io mi sento Gargano»

L’amore verso la propria terra, il senso di appartenenza ad una comunità e la voglia di riscatto. Questo e tanto altro nel videoclip “Io mi sento Gargano”: un inno al Gargano, alle sue bellezze paesaggistiche ma anche alle persone che vivono in questa terra, che la rispettano e che non vogliono lasciarla.

Protagonisti del videoclip e portatori di questi messaggi 40 bambini dell’Istituto Comprensivo “N. D’Apolito” di Cagnano Varano, la scuola dove questo progetto è nato grazie all’idea del suo docente di educazione musicale Rocco Iocolo. Un’iniziativa, partita circa un anno fa, che ha finito per coinvolgere l’intero istituto garganico attirando l’attenzione e l’apporto degli altri docenti e delle famiglie degli allievi.

Il progetto, che gode del Patrocino dei Comuni di Cagnano Varano e Rodi Garganico, dell’Ente Parco Nazionale del Gargano, nonché delle Ferrovie del Gargano, è stato presentato ieri presso la Sala Consiliare del Comune di Cagnano Varano, alla presenza di tutti i soggetti coinvolti: i bambini; il docente Rocco Iocolo; il regista del videoclip, Niki dell’Anno; le due docenti referenti del progetto, Maria Grazia Coccia e Libera Polignone; il sindaco di Cagnano Varano, Claudio Costanzucci (presente anche in qualità di Presidente f.f. del Parco Nazionale del Gargano); l’assessore alla Cultura del Comune di Cagnano Varano, Mariella Scanzano; il consigliere del Comune di Rodi Garganico, Gianluca Merolla, e il dirigente dell’Istituto Comprensivo “N. D’Apolito”, Damiano Francesco Iocolo. Ospiti della conferenza stampa anche Napoleone Cera, consigliere regionale – Presidente Gruppo Popolari, e Giorgio Lovecchio, Portavoce M5S Camera dei Deputati, Commissione Bilancio.

Nel corso della conferenza stampa, moderata dalla giornalista Pina D’Errico, è stato proiettato il videoclip “Io mi sento Gargano” che in 24 ore ha ottenuto oltre 12mila visualizzazioni su YouTube. Un ottimo risultato per un progetto didattico che promuove una cultura della responsabilità individuale che parte da una più matura consapevolezza delle proprie azioni perché per educare alla legalità, nella sua accezione più ampia, è necessario partire dalle nuove generazioni e quindi dalla scuola.

Un obiettivo che per il docente Rocco Iocolo è diventato una sfida: “Ho voluto lanciare questo messaggio realizzando un progetto discografico che vedesse protagonisti i nostri bambini e la nostra meravigliosa terra. Una missione difficile perché sappiamo quanto nelle scuole sia difficile portare avanti progetti del genere”.

“Quando il docente Iocolo all’inizio dell’anno disse ‘ho in mente un progetto’, mai avremmo immaginato che il risultato sarebbe stato questo” ha raccontato la docente Maria Grazia Coccia. “La scuola di Cagnano Varano è sempre stata aperta alle nuove iniziative, ma questo progetto davvero ha superato ogni aspettativa”.

“Grazie alla proposta del docente Iocolo abbiamo sperimentato un nuovo approccio metodologico con i nostri allievi” ha aggiunto la docente Libera Polignone. “Abbiamo visto i bambini totalmente coinvolti. Ma il progetto ha catturato l’attenzione di tutti sia per la tipologia del suo prodotto, un videoclip musicale, sia per l’importante tematica trattata, il Gargano, niente di più vicino ai nostri bambini”.

Soddisfazione anche nelle parole del regista del videoclip, Niki dell’Anno, che ha subito ringraziato la troupe della sua casa di produzione audiovisiva “Wild Rat Film”: l’operatore di ripresa Fabiano Casparrini, l’operatore del drone Michele Pesante e l’assistente operatore Gaetano Valenzano: “Mi sono occupato di molti progetti riguardanti il Gargano – ha detto il filmaker foggiano – ma questo progetto parte dalla scuola, dai bambini, e quindi ha un valore diverso. Le nuove generazioni si sentono protagonisti di prodotti audiovisivi. E con questo progetto si sono sentiti davvero partecipi”.

Il videoclip ritrae alcuni dei tanti straordinari paesaggi del Gargano, ma anche immagini dolorose come quelle degli incendi che hanno colpito il Gargano, immagini che fanno da cornice al brano, composto dal prof. Iocolo ed interpretato dagli alunni, destinato a fare memoria.

La visione del videoclip ha subito suscitato il plauso di tutti i presenti a cominciare dal Consigliere regionale Napoleone Cera, che è anche componente della Commissione Criminalità della Regione Puglia. Cera ha sottolineato l’importante funzione della scuola nella diffusione della cultura della legalità, ma non ha nascosto un pizzico di rammarico: “Mi dispiace solo che in quel video non c’è il logo della Regione Puglia. Ma cercherò di portare la vostra testimonianza a tutto il consiglio regionale che oggi io rappresento. Voglio che vedano questo video. Oggi avete reso questo territorio più bello e più importante”.
Parole di elogio anche da parte di Giorgio Lovecchio, Portavoce M5S Camera dei Deputati, Commissione Bilancio: “Un applauso va ai docenti dell’istituto che riescono a portare avanti questi progetti nonostante tutti i problemi che oggi si riscontrano nelle scuole. Il neoparlamentare ha poi lodato l’eccellente lavoro dei bambini: “Hanno capito il senso di questo progetto e ora sono diventati veicoli di promozione del nostro territorio. Spero che la Regione promuova questo video con tutti i mezzi idonei. Oltre a questo però diamo anche a questo territorio le infrastrutture che mancano”.

Il sindaco di Cagnano Varano, Claudio Costanzucci, oltre a complimentarsi con il dirigente dell’istituto Comprensivo “D’Apolito” per aver sostenuto il progetto, ha esaltato ulteriormente il lavoro dei docenti: “Tutto questo non sarebbe stato possibile se non ci fosse stata la capacità dei docenti di coinvolgere questi ragazzi”. Poi l’attenzione è passata al territorio: “Negli anni la nostra terra è stata violentata da incendi, abusi, alluvioni. L’illegalità deve essere messa fuori dal nostro orizzonte culturale. Come amministrazione comunale abbiamo dato un piccolo contributo. Come Parco ci siamo stati e ci saremo, anche per l’iniziativa sulla legalità. Ora è compito della scuola e della famiglia far capire che tutto questo deve essere un continuum, non un semplice evento legato ad un progetto. Diventerà un progetto che ci appartiene davvero quando i bambini avranno compreso il messaggio. Questo donerà bellezza alla bellezza che ci circonda” ha concluso il primo cittadino di Cagnano Varano.

Garganici però non solo si nasce, ma si diventa. Come Gianluca Merolla, consigliere del Comune di Rodi Garganico, napoletano di nascita ma cresciuto e innamorato della Montagna del Sole: “Il Gargano mi ha adottato ed è qui che sto costruendo il mio futuro. Conosco personalmente il prof. Rocco Iocolo e so quanto sia forte il suo desiderio di inculcare in questi ragazzi la sua passione e la sua dedizione per questo territorio. Il video che abbiamo visto è una ricetta esplosiva. Noi tutti, amministratori, docenti, famiglie e ragazzi, dobbiamo essere molto ambiziosi perché quando parliamo di Gargano dobbiamo ricordare di avere un grosso potenziale. Dobbiamo dare la possibilità a questi ragazzi di restare e di costruire qui il loro futuro. Troppi ragazzi stanno andando via mentre il Gargano ha bisogno di loro. Ringraziando tutti, voglio dire a questi bambini: siamo fieri di voi”.

L’assessore al Welfare, Cultura e Turismo del Comune di Cagno Varano, Mariella Scanzano, ha ripercorso le tappe del progetto ‘Io mi sento Gargano’: “Questa avventura è iniziata molto mesi fa quando in Comune ho ricevuto una rappresentanza di genitori di questi bambini capeggiata dal prof. Iocolo” ha esordito l’assessora. “Già dai primi minuti in cui parlava della sua idea io mi sono sentita Gargano insieme a loro. Il Comune non ha fatto altro che inserirsi in quello che io amo chiamare ‘abbraccio educativo’: bambini posti al centro di un’esperienza in cui scuola, famiglie, istituzioni, enti e comunità abbracciano il bambino e si occupano di lui, della sua crescita, della sua educazione e della sua formazione. Questa è la mission di questa amministrazione e della mia funzione di assessore alla cultura. L’assessora ha poi lanciato una proposta che ha incassato subito l’apprezzamento della platea: aprire con questo videoclip tutte le serate culturali e di intrattenimento in programma per l’estate di Cagnano Varano affinché il videoclip diventi patrimonio della comunità e di chi questo territorio non lo conosce. “Tutto questo però non basta – ha precisato Scanzano – il Gargano ha bisogno di rimarginare le proprie ferite, ha bisogno di infrastrutture e di tutta una rete di servizi che possa consentire il rilancio dell’economia perché queste risorse umane restano a disposizione della loro terra”.

A chiudere gli interventi è stato il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo “N. D’Apolito”, Damiano Francesco Iocolo: “È interesse di ogni dirigente scolastico che la propria scuola cresca. E la scuola cresce solo grazie alle persone. È importante avere docenti preparati, pronti, volenterosi, tenaci, interessati, partecipativi. Tutti questi requisiti non sono un valore aggiunto, ma la base dalla quale partire. La scuola è una delle poche agenzie deputate alla produzione della cultura, ma quella cultura che entra all’interno della comunità, con la partecipazione di tutti, amministrazioni, personale scolastico, docenti, genitori istituzioni. Noi siamo chiamati tutti a dare risposte di senso, ma non solo con le parole. Queste parole devono tramutarsi in fatti concreti. Il videoclip ‘Io mi sento Gargano’ è bello perché guarda alla costruzione della società del domani, in senso civico, in senso sociale, in senso umano. Permettetemi questo momento di debolezza – ha concluso il dirigente Iocolo ringraziando tutti i partecipanti alla conferenza stampa– ma sono veramente orgoglioso del mio Istituto e del mio corpo docente”.

Il dirigente Iocolo ha poi ricordato un altro importante appuntamento legato al percorso della legalità che coinvolge l’intero istituto “D’Apolito”, quello in programma per il prossimo 22 maggio quando a Cagnano Varano si terrà una manifestazione, per celebrare il 70^ anniversario della promulgazione della Costituzione Italiana, che vedrà la partecipazione della Banda dell’Arma dei Carabinieri.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici