Reste abbandonate a Capojale, scattano le denunce

A seguito di un’intensa attività investigativa promossa dal Reparto Carabinieri Parco Gargano di Monte S. Angelo (FG), mirata ad individuare i responsabili di un notevole abbandono di rifiuti consistenti in reti di plastica in località Capojale – Cagnano Varano, i militari delle Stazioni Carabinieri Parco di Umbra e Sannicandro bis hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Foggia due titolari d’impresa del posto. Dette aziende, operanti nel settore della miticoltura e allevamento molluschi al largo delle coste di Capojale, si sono rese responsabili dell’abbandono incontrollato di rifiuti che nel caso specifico risultavano essere retini in plastica usati per il predetto processo di lavorazione effettuato a bordo delle imbarcazioni.

Nel caso specifico si accertava la presenza di notevoli quantitativi di rifiuti abbandonati e riconducibili all’attività di cui sopra, presso il molo di Capojale per un totale stimato di 50 metri cubi circa. Contestualmente sono stati effettuati dei controlli sulla gestione e smaltimento dei rifiuti derivanti dalle attività di miticoltura, accertando violazioni amministrative alla normativa vigente in materia ambientale per alcune migliaia di euro. Continuano incessanti le indagini dei Carabinieri Forestali, perdi individuare e reprimere le attività illecite connesse al fenomeno descritto, perpetrate in violazione alla ordinanza sindacale del 14/04/2017, alla luce soprattutto delle numerose segnalazioni pervenute e al forte stato di allarme sociale derivante anche dal deposito sui litorali del Gargano Nord dei retini in plastica.

2 commenti

  1. Finalmente identificati due delinquenti. Speriamo proseguano indagini e denunce.

  2. Oh finalmente qualcosa si muove. Gia l’anno scorso e l’anno prima ancora da foce varano a Capojale la spiaggia era una retina di plastica unica.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici