Lutto nel mondo della musica, si è spento Peppino Principe

Verso le 12.30 di ieri il maestro di fisarmonica Principe è stata colpito da un malore nel corridoio del palazzo in cui risiedeva. Sul posto sono tempestivamente intervenuti i sanitari della Croce Verde di Fermo e un’automedica, che hanno provveduto a trasportare il maestro al Pronto Soccorso di Fermo: Principe, però, non ha più ripreso conoscenza ed è spirato nella notte. Qualche anno il maestro era stato vittima di un ictus mentre era alla guida della sua auto.

Nato nel 1927 a Monte Sant’Angelo ha dedicato la sua intera esistenza alla diffusione della fisarmonica e della musica in generale, non solo come esecutore e maestro ma anche come autore e compositore. Trasferitosi a Milano durante la seconda guerra mondiale, nella città meneghina ha vissuto per circa 40 anni, lavorando per 20 anche in Rai e contribuendo insieme a Cino Tortorella alla creazione dello Zecchino D’Oro nel 1959.

A Pavia nel 1961 riceve l’ “Oscar Mondiale della Fisarmonica”, massimo riconoscimento internazionale. Nel 1964, a Milano, riceve per mano del presentatore Tony Martucci, l’ambitissimo premio “Ambrogino d’Oro“. Sempre nel 1964, è al “Teatro Ariston” di Sanremo, come direttore e fisarmonicista con Mike Bongiorno e Domenico Modugno, vincitore con “Dio come ti amo”.

Nel 1972 fu protagonista, prima alla radio e poi alla televisione, degli spettacoli musicali “La Fisarmonica”, diretti da Gorni Kramer. È noto anche come autore di musiche originali per fisarmonica: famose sono “El Bandito“, “Concerto n° 1 in La“, le trascrizioni del “Carnevale di Venezia“, il “Volo del Calabrone” ed altri famosissimi brani con i quali ha venduto 20 milioni di dischi in tutto il mondo.

Con la sua fisarmonica “Excelsior” si esibì nei più grandi teatri del mondo: Conservatorio di Mosca, “Carnegie Hall” di New York, “Festival Hall” di Londra, “Sala Lisinsky” di Zagabria, “Gass Hall” di Tokio, “Colon” di Buenos Aires, “Teatro dell’Opera” del Cairo, “Sala Playe” di Parigi, nonchè nei più importanti teatri italiani, tra cui la Scala di Milano e tantissimi altri.

Da giugno del 2014 il maestro Prencipe era anche cittadino onorario di Rodi Garganico.

1 Commento

  1. Gismonda De Felice

    Sentito a Rodi in un fantastico concerto

Commenta

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici