Pesca sostenibile, in Puglia la MSC illustra le sue iniziative

I temi di valorizzare i prodotti della piccola pesca, della pesca lagunare dell’acquacoltura, dentro il contesto ambientale del Gargano, sono temi di interesse collettivo che riguardano principalmente i consumatori, e saranno al centro di una visita della MSC Marine Stewardship Council il prossimo 23 maggio a Cagnano Varano, alle ore 18.00 presso la sala consiliare.

L’iniziativa è promossa dall’Alleanza delle Cooperative Puglia ed è rivolto a tutti gli operatori del settore ittico.

MSC è un’organizzazione internazionale indipendente, senza scopo di lucro, la cui missione è quella di utilizzare il suo “marchio blu”.

L’attuazione di una politica di marchio, di certificazione e di tracciabilità delle produzioni sarà argomento di confronto con il mondo della pesca, cogliendo l’occasione della visita di due giorni in Puglia (22 Maggio nel sud barese e 23 maggio Gargano) dei rappresentanti in Italia della MSC.

La certificazione per la pesca sostenibile oltre a dare garanzie al consumatore, contribuisce alla salute degli oceani del pianeta, riconoscendo e premiando pratiche di pesca sostenibili, influenzando e orientando le scelte dei consumatori quando acquistano pescato e prodotti ittici. L’interesse di questa visita in Puglia nasce in occasione del Seminario Internazionale dei FLAG a Vigo (Galizia 13-15 marzo 2018) organizzato da FARNET/DG Mare sul tema “I FLAG e la gestione delle risorse locali”.

Marine Stewardship Council (MSC) è un’organizzazione internazionale indipendente e senza scopo di lucro, la cui missione è quella di utilizzare il suo marchio blu e la certificazione per la pesca sostenibile per contribuire alla salute degli oceani del mondo riconoscendo e premiando pratiche di pesca sostenibili, influenzando le scelte che fanno i consumatori quando acquistano pescato e lavorando con una serie di partner per trasformare l’industria globale della pesca verso una traiettoria più sostenibile. A tal fine, MSC stabilisce due standard, uno finalizzato alla certificazione della pesca e alla certificazione della catena di custodia. Lo standard ambientale MSC per la pesca sostenibile si basa sul Codice di condotta della FAO per una pesca responsabile e su altri strumenti internazionali di conservazione e si compone di 28 indicatori di prestazione raggruppati in tre principi: stock ittici sostenibili; minimizzare gli impatti ambientali; gestione efficace. Qualsiasi persona giuridica può richiedere formalmente una valutazione dell’attività di pesca. Il processo di valutazione è condotto indipendentemente da certificatori accreditati da una terza organizzazione. In questo modo, MSC garantisce un sistema obiettivo e indipendente. I produttori che vogliono vendere i loro prodotti ittici con il marchio MSC possono farlo solo se tutti i componenti della catena di distribuzione (dalla barca al piatto) sono stati certificati rispetto allo standard per la catena di custodia MSC. Questa catena di custodia è il metodo che MSC utilizza per seguire la tracciabilità dei prodotti e assicurare al consumatore che i prodotti ittici che portano il marchio blu MSC sono effettivamente provenienti da una pesca certificata MSC.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici