In Puglia un’estate al top: +23% il turismo balneare

La torrida estate 2017 ha segnato in Italia il grande successo delle spiagge, con 90 milioni di presenze negli stabilimenti e una crescita del 16%. Ma in tanti hanno scelto anche la campagna, o hanno apprezzato un giro per borghi e castelli, incuriositi dai musei. Nell’Italia della crisi, il turismo tira e cresce. «Un’estate da record», commenta soddisfatto il ministro della cultura Dario Franceschini, che sottolinea «i primi risultati delle politiche di destagionalizzazione e un significativo aumento degli arrivi dall’estero», così come il buon andamento del turismo sostenibile con il successo dell’Anno dei Borghi e dei Cammini. E il turismo è un «settore strategico dell’economia nazionale – ribadisce il ministro Pd – che è doveroso accompagnare e sostenere nella sua crescita».

I dati raccolti dal Mibact vedono le località di mare al top, con un +16 per cento delle presenze, ma vanno bene anche alberghi e strutture extralberghiere (+2 per cento), cresce il turismo interno (+3,2%), incassano borghi e musei (+12,5%).

Nel periodo che va da giugno ad agosto gli stabilimenti balneari hanno registrato 90 milioni di presenze, con una crescita del 16% rispetto ai 75,6 milioni del 2016 (Fonte Cna), un incremento dei turisti stranieri del 55% sullo stesso periodo dell’anno scorso e un aumento generalizzato in tutte le regioni costiere. Il primato è dell’Emilia Romagna con un +25% seguita da Puglia (+23%) e Sicilia (+22%).

Tra giugno e settembre, secondo dati di Federalberghi e Federturismo, le strutture alberghiere ed extralberghiere hanno registrato 48,3 milioni di arrivi e 208,7 milioni di presenze, con un +2% rispetto al 2016. Un incremento sostenuto dal turismo straniero, ma anche da quello interno con 34 milioni di italiani in movimento (+3,2% rispetto al 2016 secondo dati Federalberghi e Federturismo). L’estate è stata positiva anche per la montagna e le città d’arte. E pure la campagna è piaciuta con 7 milioni di pernottamenti negli agriturismi (+8 % rispetto al 2016 secondo i dati di Coldiretti).

Continua l’onda d’oro dei musei, che in estate, segnalano dal Mibact, hanno registrato un tasso di crescita doppio rispetto al corso dell’anno.

Secondo una ricerca commissionata da Enit a travel Appeal e realizzata in collaborazione con Amadeus travel Intelligence, Trivago e Goggle trends, nel 2017 crescono del 19,3 i viaggiatori online che hanno scelto l’Italia come meta turistica.

Dopo un’estate felice anche l’autunno promette bene con più di 9 milioni di italiani che faranno almeno un giorno di vacanza a settembre (+7,2% rispetto al 2016). Per 7,5 milioni di persone sarà la vacanza principale dell’estate. I buoni risultati dell’estate fanno da corollario al bilancio positivo del primo semestre con l’incremento dei flussi turistici nelle strutture alberghiere ed extralberghiere (rispettivamente +4,6% e +6% rispetto al primo semestre 2016 secondo Istat). Il saldo positivo e in crescita per la bilancia dei pagamenti (+5,8% nei primi 5 mesi secondo Bankitalia) l’aumento del 4,6% nel primo semestre della spesa degli stranieri in Italia, l’incremento del 6,8% dei passeggeri aerei e di Trenitalia (24 milioni).

1 Commento

  1. Sante Paolino

    …. difatti è importante essere organizzati e conoscere abitudini e desideri dei turisti. Importante rimane la qualità e il prezzo dei servizi. Il turista medio risparmia tutto l’anno per permettersi un periodo di riposo. Quindi – come gli addetti al turismo sapranno – soddisfare le esigenze dei turisti vuol dire un ritorno lì dove l’organizzazione è confortevole ed il prezzo-qualità giusto. La natura ha creato il Gargano. Responsabili ne sono gli abitanti.

Commenta

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici