A proposito di Michele Augelli: e se fosse un fatto di opportunità?

Con riguardo all’articolo odierno pubblicato sul blog Rodi Garganico online, a firma della Dirigenza dell’Istituto IC P. Giannone, esprimo piena e convinta solidarietà e vicinanza all’amico e Professore Michele Augelli.

I pochi giorni che ci separano dalle elezioni amministrative, la candidatura della vice preside nella lista n. 1 “Uniti per Ischitella”, il coinvolgimento dell’ex Sindaco e di altri componenti nell’associazione “Radici” (che ci risulta essere convenzionata con la suddetta scuola) e l’intensificarsi delle attività scolastiche ed extrascolastiche organizzate dalla suddetta associazione in tale ultimo periodo, richiedevano e richiedono tuttora buon senso da parte di coloro i quali sono oggi coinvolti in prima linea nella tornata amministrativa, al fine di garantire il corretto e leale svolgimento della competizione elettorale.

Le ragioni di opportunità politica e di etica civica avrebbero dovuto orientare diversamente i comportamenti dei soggetti coinvolti nella competizione in atto evitando di dar adito a dubbi e strumentalizzazioni che potessero, anche solo velatamente, inficiare la terzietà di un ente pubblico garante primariamente della formazione e crescita culturale dei bambini e ragazzi di Ischitella.

Il prof. Michele Augelli non ha fatto altro che interpretare e rappresentare liberamente e personalmente il disappunto dei genitori di molti bambini che hanno avvertito come “inopportuna” la presenza massiccia di numerosi esponenti della lista n. 1 nelle attività scolastiche organizzate nell’ultimo periodo.

A mio avviso, la scuola – per antonomasia luogo di crescita dei cittadini come individui liberi e pensanti – anziché procedere alla gogna mediatica del prof. Michele Augelli ben avrebbe potuto raccogliere le opinioni di un collega con spirito critico e democratico. L’amico Michele ha un’unica colpa: aver espresso un punto di vista.

Per questo motivo ritengo che anche la scelta dell’Ufficio Scolastico di raccontare quanto avvenuto avvalendosi di un blog online sia stata una scelta “POCO OPPORTUNA”.

Leonardo La Malva

3 commenti

  1. Angela De Paola

    In poche parole la scuola deve rinunciare ai suoi progetti perché ce la campagna elettorale. Roba da matti.

  2. Maria Martella

    Presunzione … i bambini si sono divertiti ed è questo che conta . .. il resto è noia. 👫👭👭🙅🙇🙇🙎

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici