La Foresta Umbra riconosciuta Patrimonio Mondiale UNESCO

Le faggete vetuste della Foresta Umbra sono state riconosciute Patrimonio Naturale dell’Umanità. La notizia dovrebbe essere ufficializzata a breve dal Parco Nazionale del Gargano, ente promotore dell’iniziativa

L’inserimento delle faggete vetuste della Foresta Umbra nel Patrimonio dell’umanità è stata decretato a Cracovia, in Polonia, dalla Commissione dell’UNESCO per la World Heritage. Oltre che per le faggete garganiche, l’Italia contribuisce a questa rete con le faggete dei parchi del Pollino, dell’Abruzzo e delle foreste del casentino, in Toscana. Oltre all’Italia fanno parte di questo riconoscimento altri sei paesi europei. Facevano parte del sito le foreste di faggi di Slovacchia, Ucraina e Germania. Sono state inserite adesso anche quelle di Albania, Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Italia, Romania, Slovenia e Spagna.

Il dossier di candidatura per le faggete della Foresta Umbra era stato presentato a Parigi nei primi mesi del 2016 e aveva soddisfatto perfettamente i requisiti richiesti dall’Unesco. Oltre alle faggete garganiche c’erano altri tre siti italiani candidati a Patrimonio Naturale dell’Umanità, secondo i criteri fissati dall’Unesco.

Per studiare la longevità del faggio della Foresta Umbra, inserita dalla prestigiosa rivista National Geographic tra le cinque foreste più belle al mondo, il Parco del Gargano aveva siglato una convenzione con il Dipartimento di Scienze e Tecnologie per l’Agricoltura, le Foreste, la Natura e l’Energia (DAFNE) dell’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo. Le ricerche hanno dimostrato che per la qualità del clima in Foresta Umbra ci sono faggi che riescono a vivere fino a 300 anni quando l’età media di quest’albero di solito non supera la soglia dei 200.

“Le faggete della Foresta Umbra – spiegava qualche mese fa Alfredo Di Filippo dell’Università della Tuscia di Viterbo (DAFNE) che ha seguito tutti i siti italiani candidati – sono uniche in Europa per il loro aspetto maestoso e l’elevata biodiversità, grazie all’elevatissimo grado di conservazione di questi siti rifugiali in ambiente Mediterraneo. Qui il faggio riesce a raggiungere 350 anni di età (a quote simili difficilmente raggiunge i 250) ed un’altezza di 45 metri (solitamente la statura non supera i 35). La riserva di Falascone, inoltre, costituisce un rarissimo esempio di faggeta mista, in cui un’altissima varietà di specie arboree dalle dimensioni eccezionali (aceri, tigli, carpini, agrifogli e soprattutto tassi), la rendono unica nel suo genere”.

Per il Gargano si tratta del secondo riconoscimento UNESCO dopo quello del Santuario di Monte Sant’Angelo.

2 commenti

  1. Silvana Silva

    Nel video di promozione della Puglia la Foresta Umbra non c’è ! VERGOGNA

  2. Vincenzo Campobasso

    Sarebbe molto interessante far conoscere dove si trova IL GIGANTE DELLA FORESTA.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici