Traffico di rifiuti, 19 arresti

Ingente il quantitativo di rifiuti interrato tra San Severo e Manfredonia. Sequestrati terreni per 9 milioni di euro. Rischio inquinamento falde acquifere 

Sono 19 gli arresti nell’ambito dell’operazione “In Daunia venenum” condotta in provincia di Foggia dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari mediante l’ausilio di polizia e guardia di finanza. Il blitz scattato all’alba nella provincia di Foggia ha sgominato un’associazione dedita al traffico illegale di rifiuti e alla corruzione e giunge dopo un’indagine durata due anni che ha accertato una sistematica condotta di sversamento illegale di rifiuti provenienti dalla Campania in diversi terreni tra Manfredonia e San Severo.

Gli inquirenti stimano che in appena due anni in Capitanata siano stati tombate oltre 100mila tonnellate di rifiuti. Sequestrate decine di ettari di terreno che saranno sottoposti a esami tecnici per accertare il possibile inquinamento del suolo e delle falde acquifere.

La guardia di finanza e i poliziotti del commissariato di Manfredonia, con la collaborazione degli agenti della squadra mobile di Foggia e dello Sco, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 19 persone (tra la Campania e la Capitanata) e un sequestro preventivo di beni per un valore di oltre 9 milioni di euro.

I dettagli dell’operazione saranno illustrati in una conferenza stampa che sarà tenuta alle ore 10.30 dal Procuratore della Repubblica di Bari.

1 Commento

  1. Antonia Blandy

    e noi che facciamo la raccolta differenziata…..

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici