Peschici torna a bruciare nel giorno del ricordo

A distanza di dieci anni esatti dal rovinoso incendio che costò la vita a due persone e mise in fuga migliaia di persone, le colline attorno a Peschici tornano a bruciare 

Era il 24 luglio del 2007 quando il Gargano nord visse uno dei suoi giorni più caldi, quello del devastante incendio che colpì la cittadina di Peschici. Una giornata apocalittica il cui tragico bilancio fece registrare due morti accertati, migliaia di persone in fuga, centinaia intrappolate sulla spiaggia e tratte in salvo via mare, camping e villaggi turistici evacuati, trecento intossicati e numerosi feriti. A innescare il rogo fu un focolaio in un uliveto che si estese a un deposito di bombole di gas, il quale esplodendo agevolò il propagarsi delle fiamme.

A dieci anni esatti da quei tragici eventi, il 24 luglio 2017 sarebbe dovuta essere una giornata per non dimenticare, con una cerimonia di scoprimento di una targa «Medaglia di Bronzo al Valor Civile» conferita al Comune di Peschici dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il conferimento della cittadinanza onoraria al Colonnello dei Carabinieri Vincenzo Tedeschi e un dibattito al termine di una Santa Messa celebrata in serata in piazzetta S. Antonio.

Da qualche ora invece ben tre colline intorno a Peschici stanno nuovamente bruciando, alimentate dal forte vento che soffia in zona e rende estremamente difficili le operazioni di spegnimento. Al momento si registrano già diversi ettari di vegetazione e macchia mediterranea andati in fumo, con due focolai attivi in località Citrigni e uno a Baia di Manaccora. Sul posto sono presenti le forze dell’ordine, i volontari della protezione civile e diverse squadre dei Vigili del Fuoco, mentre è atteso a breve l’arrivo dei canadair decollati da Termoli. A titolo precauzionale è stata disposta l’evacuazione delle abitazioni a ridosso delle zone interessate dai roghi e non si esclude la chiusura della strada statale 89 che collega Peschici a Vieste.

14 commenti

  1. Mattea Giuliani

    Stanno rovinando tutto li brucerei vivi

  2. Antonia Teormino

    Minimo bastardi, comunque e’cosa vecchia

  3. Carmela Clemente

    Mi picerebbe sapere che pena hanno dato ai piromini di 10 anni fa dove morirono alcune persone….si chiudecsempre la stalla dopo che sono usciti i buoi

  4. Maria Antonietta Saccia

    Non ho parole per definire questa merd….!!!!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici