Ischitella: morto il presunto aggressore di Nicolina

Il cadavere del presunto responsabile del tentato omicidio della ragazza di 15 anni che stamattina ha sconvolto la comunità di Ischitella è stato trovato nelle campagne della località Callone, in agro della cittadina garganica. L’arma utilizzata sarebbe la stessa usata stamattina contro la ragazzina. Le ricerche, condotte con l’ausilio di cani ed elicotteri, si erano fin da subito concentrate in una zona boschiva poco fuori Ischitella che l’uomo conosceva bene perché vi andava a raccogliere funghi.

Intanto restano critiche le condizioni di Nicolina, la sfortunata 15enne finita probabilmente al centro di una vendetta trasversale. “Si valuta se sottoporla a intervento chirurgico”, fanno sapere dagli Ospedali Riuniti di Foggia dove Nicolina è stata trasportata in elicottero. Si spera di poter estrarre il proiettile dalla testa e salvarla. La ragazzina è stata colpita all’altezza dell’orbita oculare sinistra.

3 commenti

  1. Riccardo Chimenti

    Non ci sono parole di fronte a tragedie come questa…….ma una domanda me la pongo: “COME È STATO POSSIBILE NON PREVEDERE QUANTO È ACCADUTO PERMETTENDO ALLA RAGAZZA DI RESTARE AD ISCHITELLA INVECE DI SEGUIRE LA MADRE LONTANO DA LÌ?????”

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici