Commissioni tributarie: sentenze pilotate in cambio di denaro e favori

La delicata e articolata indagine ha permesso di accertare che alcuni segretari di sezione delle Commissioni Tributarie Provinciale di Foggia e Regionale hanno costituito per lungo tempo il punto di riferimento dei difensori di alcuni contribuenti del territorio dauno. Questi, per evitare che i loro clienti pagassero allo Stato le imposte dovute, preferivano versare somme di denaro o altre utilità ai funzionari amministrativi delle commissioni e ad alcuni giudici delle stesse, in cambio di decisioni favorevoli nei contenziosi tributari: ciò determinava per i contribuenti un vantaggio patrimoniale e per i difensori prestigio e guadagni nell’ambiente tributario.

Il sistema fraudolente di elaborazione delle sentenze tributarie in senso favorevole al contribuente e sfavorevole allo Stato, è stato caratterizzato da una pluralità di condotte illecite: alcuni funzionari amministrativi, in cambio di denaro o altra utilità, pilotavano le cause sui giudici compiacenti o svogliati. Alcuni, infatti, emettevano decisioni favorevoli al contribuente in cambio di somme di denaro; altri, pur in mancanza di utilità personale, frodavano l’amministrazione tributaria delegando completamente, di fatto, la giurisdizione a funzionari che deliberavano secondo il proprio tornaconto personale (tangenti o altri vantaggi), limitandosi alla sola firma della sentenza con introito delle indennità previste per l’attività decisoria.

In cambio della promessa e/o della commissione di tali illecite condotte, venivano versate da parte dei difensori commercialisti o di intermediari ai pubblici uffici corrotti, utilità varie o somme di denaro ammontanti a circa 500 e 1000 euro per sentenza. E’ emerso in un caso come un noto commercialista foggiano avesse uno dei funzionari tributari direttamente a libro paga in quanto gli corrispondeva mensilmente 400 euro. L’importo complessivo delle somme accertate come prezzo dei reati corruttivi è pari a circa 60mila euro.

L’illecito sistema giudiziario parallelo creato dagli indagati ha determinato l’asservimento – più o meno sistematico – della funzione giurisdizionale tributaria agli interessi del privato corruttore, la trasformazione della funzione pubblica giudiziaria in una sorta di ‘giustizia privata’ (operazione De Repetundis).

Il lavoro svolto dagli inquirenti è stato caratterizzato da complesse attività di intercettazione telefonica, ambientale, audio-video, interrogatori, assunzioni di informazioni, nonché perquisizioni e sequestri di documenti e computer. Sono circa 70 i militari della Guardia di Finanza che hanno operato per l’esecuzione delle ordinanze a Foggia, Cerignola, Vieste, Ischitella e Bari.

5 commenti

  1. Lucrezia Altomare

    La vergogna della Puglia solo per soldi ammazzano anche il loro sangue basta che ce da prendere

  2. Grazia Mastrodomenico

    Per i soldi si fa veramente tutto vergognatevi

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici