Lo Stato si riprende le strade provinciali

La Regione Puglia tira un sospiro di sollievo, le Province si svuotano ulteriormente di competenze e si accelera il processo di soppressione. 

La rete delle strade provinciali passa di nuovo allo Stato con un consistente risparmio per il bilancio della Regione. Lo prevede il nuovo piano di revisione nazionale delle reti stradali entrato in vigore con decreto della Presidenza del Consiglio. Insieme alla Puglia il decreto avrà effetti su l’Abruzzo; l’Umbria; Toscana; Marche; Molise; Campania; Lazio; Calabria; Basilicata; Liguria.

Sarà l’ANAS ad occuparsi della gestione e manutenzione della rete stradale, liberando gli Enti Locali da questa competenza. L’Azienda stradale dispone di un finanziamento di circa 4 miliardi l’anno per la manutenzione e le regioni sono sollevate dal costo di 60 mila euro all’anno per ogni chilometro di strada da manutenzionare.

Michele Angelicchio

2 commenti

  1. Silvana Silva

    A quando una strada che liberi il lungomare Rodi Lido del Sole e ci colleghi alla superstrada? I piloni sono ancora lì una strada mai fatta ed essenziale … sarebbe un lungomare meraviglioso riservato al traffico locale dove si può fare una pista ciclabile e le persone potranno correre e passeggiare.

  2. Carlantonio Dirodi

    La regione. I cittadini no!

Commenta

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici