Sulla cittadinanza onoraria a Osvaldo Bevilaqua

osvaldo_bevilacqua“Avanti un altro!” Avrebbe detto Paolo Bonolis, se la sua trasmissione fosse ancora attuale! Ho detto “Avanti un altro!”… Chi io, Katia Ricciarelli? Noooo, tu no, ochetta, la cittadinanza onoraria te l’ho già conferita con la motivazione diramata “Urbi et Orbi”, perché… amica mia! Dico a te… Osvaldino (diminutivo riservato agli amici intimi!), si a… te, Osvaldo Bevilacqua! Su, vieni è il tuo turno! E così anche questo avrebbe detto sempre il goliardico Bonolis! Sono battute le mie? Nient’affatto!

Andiamo al nocciolo della questione. Il caro (leggi: “costoso”) sindaco di Rodi Garganico, Nicola Pinto, col prossimo consiglio comunale, proporrà ai suoi ubbidienti e sempre consenzienti sottoposti la cittadinanza onoraria al signor Bevilacqua! La motivazione non è ancora data a sapere! Da nativo rodiano mi chiedo cosa abbia fatto questi di costruttivo o di clamoroso a favore della nostra città da meritarsi la cittadinanza onoraria? Non mi resta che fare delle… deduzioni! Anche Osvaldino, come il soprano Ricciarelli, amico del sindaco? E’ sufficiente essergli amico per ottenere il prestigioso conferimento? E quanti altri suoi amici sono in attesa di essere… gratificati? Che non sia una diabolica manovra del caro (leggi: “costoso”) sindaco in previsione delle amministrative del 2017, per candidare i “cittadini onorari” nella sua lista?

Ricordate la proposta di assessore a Katia Ricciarelli, che rifiutò per motivi logistici? A parte l’amicizia che lega il nostro Nicolino (la confidenza mi permette di usare il… diminutivo!) a Osvaldino, cosa ancora potrebbe esserci per avvalorare la sua motivazione? Non so cosa pensare…. Che Osvaldo Bevilacqua avesse tanti fan, donne e uomini, è più che sicuro, e che forse nel suo peregrinare per l’Italia, in lungo e in largo, abbia anche infranto tanti cuori, metterei la mano sul fuoco! Che questi abbia lasciato nella nostra città una parte del suo dna a qualche sua fanatica (o interessata) ammiratrice? Anche questo potrebbe essere possibile! E se questa fosse la motivazione. perché non risarcire anche Maria Giovanna Elmi con identica prestigiosa onorificenza per il tradimento subito dal suo focoso ex fidanzato Osvaldino? Che Osvaldino abbia deciso di finire i suoi giorni a Rodi Garganico per godersi il frutto della… sua pensione? Mah, una cosa è certa che da Nicola Pinto ci si può aspettare questo e ancora molto di più! La sua proposta di conferimento della cittadinanza onoraria andrà senz’altro in porto, ed io porrò la sua delibera assieme alle tante altre scellerate, che hanno infangato il buon nome della nostra città!

Al sindaco suggerisco di lasciar stare l’amico Osvaldino e di pensare ai reali e urgenti problemi che affliggono le locali unità lavorative, le tante famiglie disagiate, la riapertura delle piazze storiche agli oppositori, la lotta senza quartiere alla criminalità in ascesa, la funzionalità del porto, etc. Ma temo che anche questo… signore non accetti i consigli che gli vengono dati! E’ proprio vero che dare consigli agli ultimi allievi di Teodoro Moretti è effettivamente tempo perso!

“A FILIPPI CI VEDREMO!”

Nino Gervasio

3 commenti

  1. Di Fazio Claudio Domenico

    …..mi sembra più una lettera indirizzata a qualcuno informato dei fatti….

  2. Certo che critica sempre tutti e tutte. Ma si è fatto anche lei un esame di coscienza Sig. Gervasio. A quanto si dice non è che lei sia meglio……Gli altri sono ……..ecc. Ma chi si crede di essere!!!!!!! Dove sei stato fino ad ora ?Goditi la pensione e lascia il campo a chi aveva portato Rodi alle stelle e non alle stalle……..

  3. Da che pulpito viene la predica!!!!!!!!!”!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici