Gervasio incalza Pinto: «Vattene a casa»

comune-rodi-garganicoIl consiglio comunale di ieri, 25 gennaio 2016, è stato una beffa disgustosa non solo nei confronti degli oppositori, che chiedono il diritto di comiziare nella pubblica piazza, diritto garantito dalla Costituzione italiana, ma anche nei confronti del popolo di Rodi Garganico di diverse estrazioni politiche. Quelli che prima hanno votato il dott. Nicola Pinto a sindaco della cittadina, oggi si mozzerebbero la mano destra pur di toglierselo dalle… palle!

Come nativo rodiano, come politico da lunga data, ritengo il comportamento del sindaco vergognoso, ignobile, diabolico e così meschino che come uomo non dovrebbe nemmeno nascere sul pianeta Terra! Ancora una volta, il sadismo di questo “signore”, umilia gli oppositori, rimandando la conoscenza delle piazze, relative all’accapo 5 dell’OdG del consiglio comunale di ieri, all’affissione della delibera all’Albo Pretorio, delibera che come da prassi consolidata verrà esposta chissà quando! E così pensando che il tempo giochi a suo favore, farà comiziare gli oppositori dal prossimo settembre in poi con la scusa delle feste pasquali, con l’avvicinarsi dell’estate con presenza di turisti ecc. motivando il tutto con il detto “i panni sporchi si lavano in casa!” Con questo stratagemma “accontenta” il Prefetto e le altre Autorità, salvando la propria faccia ma non di fronte ai cittadini rodiani, che lo manderanno a casa trombandolo a dovere!

Vorrei rammentare al sindaco che la politica nulla ha a che fare col mio eventuale rapporto privato d’amicizia, però temo che questi non sia all’altezza di capirmi, vuoi per questione di cultura, di educazione e di sana politica, che ritengo abissale, vuoi per quel suo maniacale spirito di vendetta, di odio, che nutre nei confronti di qualche oppositore e che va a solo discapito dell’intera popolazione! Un sindaco che si rispetti deve essere al di sopra delle parti e il dott. Nicola Pinto non lo è! Un buon sindaco è quello che con penna e taccuino in mano e da solo, giri il proprio territorio per annotarsi le istanze del cittadino! Un sindaco con la coscienza pulita non si serve del guardaspalle, il comandante della Polizia Municipale, per farsi scortare da casa al Comune e viceversa! Un sindaco responsabile deve far tesoro dei consigli d’interesse generale che provengono anche dall’opposizione! Un sindaco coscienzioso di un piccolo paese, come il nostro, non assegna a se e ai suoi collaboratori l’indennità, anche se prevista per legge ma non obbligatoria, per pagare l’automobile all’avv. Del Conte, vice presidente del consiglio, distrutta da vandali, che gli fa da stampella politica, quando le finanze del Comune sono sotto zero di svariati milioni di Euro e decine di famiglie allo stremo!

Ho la piena convinzione che il dott. Nicola Pinto usi il demeritato titolo di sindaco come biglietto da visita per entrare in settori utili al suo scopo, che non riguardano la nostra Comunità, per allacciare rapporti personali per fini puramente affaristici. A questo “signore” della miseria che langue a Rodi Garganico, della criminalità in ascesa, della mancanza di libertà, della disoccupazione, non gliene frega un accidenti!

La mia disistima politica nei suoi confronti è nota, pronto, però, a difenderlo da eventuali attacchi alla sua persona e alla sua vita privata.

Caro Nicola, la politica non è solo senso di responsabilità ma anche altruismo e soprattutto amore verso tutti, e tu non sei degno di fregiarti del titolo di Primo Cittadino, perché sei venuto meno a tutti quei principi costituzionali, negando la libertà di parola e, volutamente, hai offeso la dignità amministrativa del parsimonioso popolo rodiano, dichiarando il dissesto finanziario, che potevi evitare con metodi correttivi, ma, anche qui di proposito, non hai voluto applicare!

Accetta un consiglio da amico disinteressato: SE TI E’ RIMASTA ANCORA UN PO’ DI DIGNITA’… VATTENE A CASA! SEI UN DISASTRO! RODI HA BISOGNO DI PACE, DI BENESSERE E SOPRATTUTTO DI ONESTA’ POLITICA, CHE TU NON SAI DARE!

Cordialmente.

Nino Gervasio

10 commenti

  1. Antonio Attanasio

    Siete ridicoli guardatevi avete parlato ancora di questo dissesto e ancora nn lo capite che al dissesto ci avete portato voi vergogna presto il tempo degli onori finira anche per voi

  2. Da quel poco che si è riuscito a vedere hanno usato il delfino del Pescara calcio nel logo della nuova polizia locale….altra grande genialata dell’amministrazione pintiana….concordo in toto con quanto scritto dal signor Gervasio.

  3. una cosa bisogna però riconoscere al nostro, quella di aver saputo ammaestrare a dovere le statuine che gli stanno attorno. Tutti obbedienti e servili.

  4. X L’inguisitore siete fave e bobbo tutta una roba guadatevi prima voi????

  5. Scusami tanto signor pirato ma non riesco proprio a comprendere il senso delle tue parole

  6. anche questo sito è sotto il controllo dell’amministrazione comunale?
    Ho fatto un commento che mi è stato bloccato per verificare la mia mail,,, ma nessun messaggio di verifica è arrivato alla mia mail. Ci prendiamo per il c…?

  7. Il suo commento non è stato bloccato per questioni di verifica ma più semplicemente perché il contenuto aveva ben poco a che fare con il tema del post.

  8. …anche altri commenti non sono pertinenti al tema del post….
    Non siamo mica in Corea del nord….

  9. Le presunte faccende personali dei consiglieri comunali potrete sicuramente raccontarvele altrove…

  10. Forse per voi sarà non coerente, ma non posso evitare di dire alla popolazione rodiana che sono oggi rappresentati anche da una donna non in grado di dettare regole. Allora, se è stato pubblicato il commento di Nino Gervasio, non può essere oscurata questa mia considerazione su un personaggio che, mi pare, ha “chissà perchè” la facoltà di gestire il baraccone comunale!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici