Le virtù anticancro del limone

limoni rodi garganicoRicchissimo di antiossidanti, preziosi per prevenire il cancro, il limone sembra anche capace di combattere la malattia, quando è già comparsa. Secondo uno studio dell’Università di Palermo, il succo di questo agrume contiene vescicole di dimensioni ridottissime, cariche di molecole che uccidono le cellule malate.

«In laboratorio, le nanovescicole hanno eliminato il 50-60 per cento delle cellule prelevate da tumori del polmone e del colon; nei test su animali, hanno ridotto il volume delle masse tumorali» spiega Riccardo Alessandro, fra gli autori della ricerca, pubblicata su Oncotarget. «Stiamo già pensando a come poter utilizzare le nanovescicole nella cura – riprende Alessandro – per esempio, concentrandole in pillole da usare come adiuvanti nelle chemioterapie, per aumentare l’efficacia complessiva dei trattamenti».

Tra le specie di limone più antiche d’Italia vi è il femminello del Gargano, le cui prime documentazioni storiche risalgono all’anno Mille, mentre la più antica testimonianza dei dati produttivi della zona risale alla statistica del Reame di Napoli del 1811, quando ben il 60% della produzione era destinato all’esportazione. Già nel 1884 era attiva una prima rete commerciale con il continente Nord americano ne assorbiva gran parte della produzione agrumaria.

Una delle caratteristiche principali del Femminello del Gargano è l’elevata produttività dovuta alla mole di fioriture a cui è soggetto. Sono tuttavia due i tipi di Femminello Garganico più rappresentativi del promontorio, il Femminello a scorza gentile e il Femminello oblungo. Il Femminello a scorza gentile, detto anche lustrino, ha una forma sferoidale, la buccia di colore giallo chiaro, molto liscia e particolarmente sottile. La polpa e il succo abbondano di oli essenziali che sprigionano profumi diversi e intensi. Il Femminello oblungo, dalla buccia più spessa di colore giallo citrino intenso, è una qualità particolarmente pregiata per l’assenza di semi che rende la sua polpa e il suo succo molto ricercati e preziosi. Il Limone Femminello viene coltivato negli agrumeti dei comuni di Vico del Gargano, Ischitella e Rodi Garganico, ovvero lungo tutto il tratto costiero e sub-costiero settentrionale del promontorio del Gargano, in provincia di Foggia.

Lo studio dell’Università di Palermo rientra tra i numerosi progetti finanziati dall’Associazione per la ricerca sul cancro che, per raccogliere fondi, il 30 gennaio 2016, sarà in 2.500 piazze d’Italia, con l’iniziativa Arance della salute (info: tel. 840001001).

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici