Il Papa: «Voglio venire a San Giovanni»

nuova-statua-san-pioErano almeno 70 mila persone questa mattina in piazza San Pietro per l’udienza straordinaria di Papa Francesco con i Gruppi di preghiera di Padre Pio e con tutto il personale di Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo. Con questa iniziativa il Giubileo è entrato nel vivo nel segno del frate del Gargano le cui spoglie resteranno a Roma fino al prossimo 11 febbraio. A gremire la piazza c’erano tra gli altri l’arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo mons. Castoro, il sindaco della cittadina garganica, Luigi Pompilio, e il presidente della Provincia di Foggia, Francesco Miglio. Il Papa ha salutato affettuosamente tutti, in particolare i cittadini di San Giovanni Rotondo: “Vivete in una bellissima terra, mi piacerebbe visitarla. Voglio venire a San Giovanni Rotondo”. Ai Gruppi di Preghiera: «siate delle centrali di misericordia sempre aperte che con la potenza umile della preghiera provvedano alla luce di Dio». Alla famiglia di Casa Sollievo della Sofferenza, definita “una straordinaria opera di misericordia corporale, tempio di preghiera e di scienza” ha rivolto un ringraziamento: «sono tanto grato a voi e a quanti servono gli ammalati con competenza, amore e fede viva». Ai fedeli della Diocesi di Manfredonia Vieste San Giovanni Rotondo: «ho voglia di andarci nella vostra bella terra»

«Padre Pio – ha esordito Papa Francesco, dopo il saluto introduttivo di monsignor Michele Castoro – è stato un grande servitore della misericordia. Lo è stato a tempo pieno, praticando fino allo sfinimento l’apostolato dell’ascolto. É diventato, attraverso il ministero della confessione, una carezza vivente del Padre che guarisce le ferite del peccato e rinfranca il cuore con la pace. Ha irrigato tanti cuori deserti e ha creato oasi di vita in molte parti del mondo. Tra queste vanno annoverate sicuramente i Gruppi di Preghiera, che San Pio ha definito “vivai di fede e focolai d’amore divino”».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici