2ª lettera di riscontro all’articolo «Vico, Amministratori e Soprintendenza, la regola dell’asino gratta asino»

centro-storico-vico-del-garganoGen.mo sig. Michele Angelicchio…

Innanzitutto le comunichiamo che non intendiamo spendere ulteriore tempo nella telenovela di botte e risposte a mezzo stampa inerenti le offese che ci ha rivolto nel suo articolo intitolato “Vico/ Amministratori e Soprintendenza, la regola dell’asino gratta asino” e successiva sua risposta alla nostra richiesta di chiarimenti; abbiamo altro da fare e non ci garba molto rivolgere attenzioni di qualsiasi genere e sprecare energia nei confronti di chi (ritenendo di avere gli attributi…….) ci rivolge offese gratuite ed accuse al veleno e che puntualmente quando gli viene chiesto di fare i nomi, cognomi fatti e circostanze … si cela dicendo che non può fare il lavoro di spia…. ;

Infatti sig. Angelicchio lei non ha fatto la spia, non ha accusato gli amici degli amici, non ha rivelato fatti e circostanze dei privilegiati che mandati da… Picone hanno avuto aggiustamenti, annacquamenti, e privilegi vari ma, molto più comodamente e arbitrariamente , ha offeso la dignità e la professionalità di n. 3 professionisti che svolgono con impegno e passione il loro ruolo all’interno del comitato tecnico dei comuni di Vico del Gargano e di Rodi Garganico, senza spiegarne la motivazione ….

Nel suo primo articolo intitolato “Vico/ Amministratori e Soprintendenza, la regola dell’asino gratta asino” ci ha definiti “gente senza palle” correggendo il tiro nel secondo articolo in cui ha cercato di dire che “ chiunque svolgendo un ruolo di responsabilità , di fronte ad uno scempio del genere non interviene, ne è privo”…

Inutile starle ancora a ripetere che non rientra tra i nostri compiti quello della vigilanza del territorio; inutile dirle che non possiamo metterci in giro tutti i giorni, vestiti da paladini della legalità, x cercare di reprimere tutti gli scempi del nostro territorio ( non rientra nei nostri compiti e, tra l’altro non abbiamo neanche tempo disponibile x farlo); inutile ribadirle che per reprimere gli scempi che vengono perpetrati sul nostro territorio ci sono le forze di polizia (Vigili Urbani, Carabinieri, Polizia, Corpo Forestale dello Stato, ecc…); inutile ripeterle che noi non abbiamo mai dato parere su quell’intervento e neanche su tutti gli altri interventi citati nel suo primo articolo; inutile continuare a sostenere che ognuno di noi è responsabile delle sue azioni, di quello che dice, di quello che fa e, anche, di quello che scrive….

Ci sembra fiato sprecato e tempo perso continuare a interagire con lei che, tra l’altro, non conosciamo neanche di persona e che, fino a qualche giorno fa, ne ignoravamo persino l’esistenza.

Non ci sforziamo neanche di capire le motivazioni che l’hanno indotta a esternare considerazioni tanto negative sul nostro operato e sulla nostra persona e, inoltre , non abbiamo nemmeno capito bene la sua spiegazione in merito agli “esperti della fettina” ma, da quello che ci è sembrato di intuire, il suo chiarimento non volge a nostro favore.

Ciò detto…. Considerato che le paventate scuse a mezzo stampa alle offese gratuite e calunniose da lei rivolte nei nostri confronti non sono arrivate,….e, a quanto pare non sono neanche stati esternati fatti e circostanze , con nomi e cognomi degli amici degli amici che, a suo dire, sono stati favoriti dal nostro operato. Le comunichiamo che, come le avevamo già riferito in precedenza, abbiamo dato mandato ad un legale di nostra fiducia per sporgere querela nei suoi confronti, per cui, forse, avremo modo di vedere la sua faccia non come auspicavamo, seduti allo stesso tavolo di pace, con una stretta di mano e un bicchiere di buon vino ma, molto più probabilmente, nelle aule giudiziarie tra scartoffie e avvocati …

Ci dispiace x i lettori delle varie testate giornalistiche che magari si saranno appassionati alla lettura delle nostra inutile corrispondenza basata solo su offese gratuite e richieste di chiarimenti che puntualmente vengono eluse, ma non intendiamo perdere altro tempo per difenderci da accuse infamanti, offensive e assolutamente prive di fondamento….

I componenti del comitato tecnico di Vico del Gargano e di Rodi Garganico

Ing. Roberto Bonifacio
Arch. Sergio Afferrante
Arch. Domenico Zezza

1 Commento

  1. i soliti del Gargano che si affidano alle vie legali, fate piangere dal tanto ridere.
    Vico del Gargano è un paese sudicio, lercio, sporco, maledettamente pieno di …
    ecco il benvenuto ai quei 4 turisti che (s)fortunatamente passano qui le loro ferie.
    ben vengano le lettere di Angelicchio, chissà che batti e ribatti qualcosa finalmente cambi, ci sono buche dappertutto, l’immondizia viene raccolta a mezzogiorno, però quei 4 questuanti che cercano denari per sparare botti tutti i mesi (tranne 1) dell’anno ci sono sempre!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici