Rodi Garganico omaggia il professor Teodoro Moretti

teodoro-morettiLa cittadinanza è invitata a partecipare il giorno 31 gennaio 2016, a 11 anni dalla sua scomparsa, alle iniziative che l’amministrazione comunale ha organizzato per celebrare la figura del prof. Teodoro Moretti che ha dedicato la vita al suo paese, rivestendo la carica di sindaco per molti anni.

Alle ore 16.00 apertura della cerimonia con lo scoprimento della targa con l’intitolazione a suo nome di una via cittadina, seguirà l’inaugurazione di un altorilievo a lui dedicato nella sede municipale, dove si svolgerà una tavola rotonda a cui parteciperanno:

dott. Nicola Pinto – Sindaco
on.le Angelo Ciavarella – già Segretario del PSI
dott. Roberto Paolucci – già Segretario del PSI e Assessore regionale
dott. Franco Mercurio – Direttore della biblioteca provinciale
avv. Piero di Benedetto – già Capogruppo del PSI alla Provincia di Foggia
on.le Michele Galante – già Segretario della federazione del PCI
dott. Armando Palmieri – già Presidente della Provincia di Foggia, in rappresentanza della DC

Interverrà l’artista Ermanno Ariostino, autore dell’opera.

Moderatore del dibattito il dott. Geppe Inserra, Giornalista e Dirigente della Provincia di Foggia.

24 commenti

  1. Michele Montecalvo

    Piu tosto che dare omaggio a colui che ha disastrato il paese e che per anni a dettato legge vado a vomitare da un altra parte caro sindaco solo tu puoi dare omaggio ad una persona piu incapace di te come si dice gesu prima li fa e poj li accoppia……e voi eravate una grande coppia

  2. Michele Montecalvo

    Poi voi a fare targhette siete ormai diventati maestri il posto di fare i pagliacci vedete che dovete fare che il paese e in rovina ……ritiratevi e farete bella figura

  3. Lucio Spalatino

    penso che omaggiare un personaggio come Moretti che ha fatto la storia di Rodi,uomo di un grande spessore culturale che tanto ha amato la sua città dovrebbe essere motivo di orgoglio per tanti Rodiani,invece c’è sempre qualcuno che vuole gettare discredito solo per fini politici

  4. Michele Azzarone

    Il mio prfessore di Francese. Moretti sei sempre nel mio cuore.

  5. Santa Picazio

    Vorrei rispetto almeno per i morti!
    Ho contestato spesso l’operatore del sindaco Moretti, ma ora lo lascerei in pace! Concentratevi sul futuro…e siate costruttivi nell’interesse di tutti!

  6. Francesca Di Fazio

    Cari signori forse,e dico forse, michele ha un pò esagerato nell’enfasi della sua arrabbiatura (e non è il solo) nel vedere come degli individui,che hanno ridotto il paese ad uno straccio, siano interessati solo ed esclusivamente ad inventarsi targhe considerato che la targa (forse la più importante e significativa ) che innalzava il nostro amato “paese” a “città” è stata indegnamente rimossa dal suo posto per essere poi riposizionata in un punto più nascosto ( sappiamo tutti dove l’avevano in realtà buttata ). In discussione non è il dott. Moretti nè tanto meno l’amore che aveva per il suo paese ma che a fare questo omaggio sia proprio colui che l’ha tradito e che l’ha successivamente ridicolizzato ridipingendo le pareti del comune ( se ricordo male chiedo scusa). Qui non si tratta di fini politici ma di buonsenso e rispetto che certamente non viene portanto da chi pensa in questo modo di lavarsi la coscienza. Spero di essere stata abbastanza chiara e auguro una buona giornata.

  7. Michele Montecalvo

    Giusto Francesca Di Fazio la targetta piu inportante e stata rimossa dai parassiti e ora riempiono il paese di statue e targhetta per ricordare chi??????gente che ha ridotto il paese in rovina e che ha abbituato i rodiani ad fare gli spazzini e i miserabili (salvo qualcuno)ecco chi sono le persone che dobbiamo ricordare gente che nn serve a una lira ma nn rompete gli cosidetti…….e comemoratevelo voi a moretti ……….io vado a ……..

  8. Nino Gervasio

    L’ invito cartaceo dell’Amministrazione riporta una panoramica frontale di Rodi col vecchio molo! Mah!….

  9. Francesca Di Fazio

    Nino Gervasio ecco appunto….questo dimostra la cultura disfattista di queste persone….. per fortuna che non ne sono capaci altrimenti magari ci saremmo ritrovati con un secondo porto …

  10. Nino Gervasio

    Cara Francesca, in questo caso hai tutte le ragioni di questo mondo.

  11. Michele Montecalvo

    Sempre piu stupito da persone incapaci di gestire un paese

  12. Michele Montecalvo

    Pensate che abbiamo un porto che è la chicca dell’Adriatico e qualcuno sta facendo di tutto per farlo affondare ma ricordatevi che noi siamo giovani e crediamo al porto di rodi e faremo se,pre piu investimenti per cercare di portare gente e sopratutto turisti al nostro paese ………..il nostro porto resterà sempre un chicca …….e voi sparite per sempre

  13. Questo e un giorno importante per Rodi , ma non per tante stupidagini fuorvianti che si dIcono ( perdonatemi la franchezza ) e soprattutto per tutti quelli “sciocchi ” che fanno il tifo o per uno o per l’altro mentre invece il SALVATORE di turno non esiste ma solo i comuni mortali possono cambiare questo paese e nessun altro .Dopo aver sollecitato più volte gli amici del Vivicaselle dove periodicamente pubblicano anche su Rodi la liquidità di cassa ora FINALMENTE hanno pubblicato in formato pdf accessibile a tutti, il RENDICONTO ANALITICO DELLE SPESE E DELLE ENTRATE DEL BILANCIO 2015 con annesso il glossario per chi ha difficoltà di interpretazione . Ora speriamo che rendono pubblico quanto prima quello del 2011 così abbiamo un quadro di insieme più chiaro di come gestiscono le risorse pubbliche , adesso più nessuno può tirarsi indietro e nessuno può dire IO NON SAPEVO !
    Naturalmente si ringrazia in primis della fattiva collaborazione l’amministrazione comunale che sta facendo di tutto per aiutare i cittadini a capire come stanno realmente le cose e si andrà alle nuove elezioni più consapevoli ( si spera ) e con i dati oggettivi, il resto sono solo chiacchere.
    La rivoluzione culturale è prossima anche a Rodi ?
    Ai posteri l’ardua sentenza.

    http://www.vivicaselle.it/la-liquidita-del-comune-di-caselle/

  14. Alina Pasqui

    Giusto sono d accordo con il porto e una vera chicca non lasciatelo morire

  15. scusate cercate di farla a noi la targhetta che sopportiamo e poi il comune di rodi non e in crisi a no scusate per queste cose no cercate di riportare il paese su che tanto il signor moretti riposa in pace non ha bisogno di targhe grazie

  16. Carmine d

    questa la dice lunga o no?

  17. Nino Gervasio

    Caro Carmine, prendo ad esempio Rodi ma potrebbe essere anche un altro Comune. Mi spiego: se un bambino fa la pipì per strada la colpa la si dà sempre al sindaco, pur essendone ignaro, in quanto responsabile di tutto ciò che succede nella sua comunità! Con questo voglio dire che non sempre il sindaco debba essere il capro espiatorio per errori che materialmente non ha commesso personalmente. Anch’io sono rimasto a..bocca aperta nel vedere il vecchio molo ma, da una mia approfondita indagine, risulta che la grafica con la foto in questione è di un imprenditore di Ischitella, che si è offerto come sponsor! Potrei accusare il sindaco di superficialità ma umanamente parlando certe cose sfuggono anche a quelli che non hanno nulla da fare!| Comunque il nuovo porto è una realtà e nessuno ti toglie il merito. Un caro saluto.

  18. Scusate ma chi sarà il re Artù della tavola rotonda?

  19. Il dott. Moretti, grande uomo che amava Rodi e i Rodiani …… non si puo’ condividere il suo modo di fare politica ……ma contestare un uomo del genere che faceva dell’UMILTA’ un senso di VITA ….non si puo’ sentire.

  20. Antonia Blandy

    un pensiero ad un uomo che al paese di Rodi ha dato la sua vita senza chiedere niente per se’

  21. Carmine d

    Sono sicuro che si sta rivoltando per il disgusto!!!!

  22. Povero Teodoro!
    Che amasse il suo paese, è certo !
    Che fosse consapevole che il suo modo di fare politica avrebbe portato Rodi al disastro attuale, possiamo dargli il beneficio del dubbio !
    Del resto, basti ricordare (anche a quelli che non vogliono) come sia stato presto dimenticato anche da coloro che lui ha beneficato e fatto crescere ad amministrare con il metodo della sua politica, che è tuttora operante: pensione, assistenzialismo e…………. festa della Madonna!
    Oggi Rodi ha un porto turistico, invano agognato quando esistevano barche e marinai che con il commercio via mare hanno portato benessere tanto da farla denominare la “perla del Gargano”. Ma non ha una strada alternativa che consenta al nostro corso principale, intitolato alla nostra SS. Patrona, di non diventare d’estate un senso alternato maleodorante per la puzza dei gas di scarico e pericoloso per chi la sera esce a farsi una passeggiata. Non ha un lungomare dove si possa passeggiare o fare jogging senza temere di essere arrotati. Non ha una spiaggia, indispensabile per un paese che dice di avere vocazione turistica……e ci sarebbe ancora tanto da aggiungere.
    E’ ora di smetterla con le accuse e controaccuse!
    Santina ha ragione. Bisogna pensare al futuro.
    Primo educare i nostri figli ed i giovani in generale ad avere rispetto per la cosa pubblica che appartiene a tutti.
    Poi rimboccarsi le maniche e costruire insieme. Iniziative private che tornino utili per il paese sono da incoraggiare, appoggiare e condividere, non da avversare a priori con tutti i mezzi. Leciti e illeciti.
    Senza una concorde partecipazione, Rodi non ha futuro.
    Meditate, gente, meditate!

  23. Giulio Dicorato

    Il mio mitico professore di francese. Bella persona. Rip

  24. Anna Di Lella

    Dilella. Anna gierto che .neanche lui sta ne mondo..Della .verita

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici