«Olimpiadi della frutta», premiati gli alunni della IV B della scuola primaria

premiazione-olimpiadi-frutta_5Si è svolta stamattina presso l’auditorium “Fiorentino” dell’Istituto Superiore “M. del Giudice” di Rodi Garganico la premiazione degli alunni della classe IV B della scuola primaria di Rodi Garganico che durante la scorsa primavera si sono aggiudicati il 1° posto sul podio per la macro regione Sud Italia (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Puglia) nell’ambito delle “olimpiadi della frutta”, il progetto europeo incentrato su di un campionato interscolastico su base nazionale strutturato come un percorso didattico multidisciplinare a tappe successive.

A premiare gli alunni e le loro insegnanti la dott.ssa Annamaria Sila – nutrizionista del CREA – e la dott.ssa Clara Fares del centro di ricerca per la cerealicoltura del CREA, le quali hanno illustrato le peculiarità del progetto e l’importanza di adottare comportamenti e abitudini alimentari corrette con lo scopo di incrementare il consumo di frutta e verdura. Gli alunni vincitori (Castelluccia Nazario, Delle Fave Stella, Delle Fave Martina Pia, Delle Fave Antonio, Di Biase Antonio Pio, Di Lella Gabriele, Fania Sanita, Iacovangelo Desiree, Papagno Irene, Russo Marika, Sciarra Michele, Valchieri Nicola, Veneziani Lilia) e le loro docenti (Albano Teresa, Falco Libera) hanno ricevuto in premio il volume “Accompagniamo la frutta nelle scuole” appositamente stampato per l’occasione e contenente la descrizione dell’iniziativa e l’albo di tutti i vincitori a livello nazionale. Alla manifestazione hanno preso parte tutti gli alunni della scuola primaria di Rodi Garganico accompagnati dai rispettivi docenti, i genitori della classe premiata e il Dirigente Scolastico Prof. Claudio Costanzucci che si è complimentato con i vincitori per l’importante traguardo conquistato.

Le olimpiadi delta frutta hanno accompagnato le classi partecipanti in un avvincente campionato multidisciplinare a tappe successive. Circa 1500 le classi che hanno deciso di iscriversi ricevendo, a cadenze regolari, schede con informazioni da studiare e attività da svolgere in classe. La giuria, composta da esperti del Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione del CREA, ha valutato di volta in volta l’attinenza con quanto richiesto, la correttezza, la fantasia, il lavoro di gruppo, la disponibilità all’assaggio e, non ultima, la capacità di coinvolgere i genitori. Perché questo è l’unico concorso in cui l’aiuto “del pubblico”, ovvero delle famiglie, è assolutamente gradito, anzi. premiato! E così i bambini si sono cimentati nella costruzione di cruciverba, che dall’incrocio delle definizioni dovevano rivelare un prodotto tipico, da descrivere con i 5 sensi. Per il 2016, dichiarato dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite anno internazionale dei legumi, una scheda è stata eccezionalmente dedicata alle leguminose, consentendo agli alunni di giocare con la storia, raccontandoci l’uso d questi preziosi semi in un’epoca a loro piacimento e raffigurandola attraverso i legumi secchi. I 5 colori sono stati declinati con grande fantasia e collaborazione in piatti unici, coloratissimi e, a quanto risulta dai loro commenti, anche molto buoni. Infine, il diario dei consumi di frutta e ortaggi della classe, in un prima e dopo che ha permesso di attribuire un Premio speciale Benessere.

olimpiadi-frutta-vincitore-sudIl Programma Comunitario “Frutta e verdura nelle scuole”, realizzato dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, del Ministero della Salute, con le Regioni e con le PP. AA. di Trento e Bolzano, con risorse dell’Unione Europea e il cofinanziamento del Ministero dell’economia e delle finanze, è finalizzato ad incentivare il consumo di frutta e verdura da parte dei bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni. Il Programma mira, dunque, ad attuare iniziative che promuovano abitudini alimentari più corrette, attraverso la conoscenza del prodotto vegetale fresco anche rispetto al suo luogo di origine e alla sua stagionalità, coinvolgendo in attività diverse i bambini proprio nella fascia di età in cui iniziano a definire scelte e abitudini alimentari. II Programma, realizzato in Italia dal MiPAAF, prevede, quindi, prima di tutto, la distribuzione calendarizzata di frutta, verdura e ortaggi nelle scuole primarie italiane vincitrici del bando, circa 6.500, coinvolgendo un totale di quasi un milione di bambini. Come da mandato EU, la distribuzione è poi accompagnata da Misure di accompagnamento (MA), ovvero attività che comprendono campagne informative e di sensibilizzazione alle tematiche del programma, insieme a visite presso orti e fattorie didattiche.

Per la seconda volta, nell’anno scolastico 2015-2016, le MA sono state affidate al Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA). Il CREA è il più importante Ente nazionale di ricerca e sperimentazione con competenza scientifica generale nel settore agricolo, agroalimentare e della nutrizione, agroindustriale, ittico e forestale. Dispone di un Centro a vocazione specifica sugli Alimenti e la Nutrizione che garantisce la diffusione di un messaggio educativo univoco sulle tematiche nutrizionali, nonché di numerose Strutture di ricerca dislocate sul territorio nazionale, dotate di opportuni spazi verdi che hanno permesso di allestire aree didattiche per gli alunni e gli insegnanti. Le competenze di settore, in ambiti che variano dalla conoscenza approfondita dei prodotti vegetali e delle loro caratteristiche qualitative e nutrizionali alla loro origine, al rapporto simbiotico tra la pianta e il suolo ed, in generale, al comparto agricolo e agroalimentare, sono risultate vincenti per strutturare in maniera organica e completa le MA, unendo agli interventi educativi, le visite didattiche e gli incontri di sensibilizzazione al programma. Insegnanti e alunni sono stati così guidati sia fisicamente, con gli incontri frontali nelle scuole e le attività pratiche negli orti didattici, che hanno caratterizzato la Scuola in campo, sia via web con le Olimpiadi della frutta, per approfondire conoscenze utili a migliorare le abitudini alimentari ed imparare l’importanza di consumare i 500 g quotidiani di frutta e verdura indicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). La validità dei messaggi educativi, cardine delle attività previste nell’ambito delle MA CREA a Frutta e verdura nelle scuole, è stata riconosciuta anche in occasione dell’Audit della Corte dei Conti Europea riguardante lo spreco alimentare nell’anno 2016.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici