«Concerti di Primavera», parte la rassegna musicale del Conservatorio

conservatorio-rodiLa bella stagione sul Gargano si apre all’insegna di una rassegna concertistica di profondo valore artistico e sociale. Partono infatti venerdì 8 aprile i “Concerti di Primavera”, appuntamento culturale vetrina delle competenze e dell’operato artistico e didattico della sezione staccata di Rodi Garganico del Conservatorio “Umberto Giordano” di Foggia.

Otto i concerti in programma, sulla base di un progetto di integrazione culturale e diffusione della cultura musicale di quella che è l’istituzione universitaria del territorio garganico. La rassegna, giunta ormai alla quinta edizione, affianca all’aspetto più strettamente concertistico, con esibizioni di docenti, allievi ed ensemble strumentali e vocali della sede garganica, l’idea dell’incontro artistico con alcune delle scuole secondarie di Capitanata presso cui si sviluppa una solida formazione musicale. Si mira in tal modo a presentare ai giovanissimi studenti delle scuole coinvolte una possibilità futura per coltivare in modo quanto mai completo il proprio talento artistico. Il direttore M° Francesco di Lernia, i docenti coordinatori, M° Michele Castelluccia, M° Giuseppe Spagnoli, unitamente ai coordinatori degli eventi, M° Roberto Vagnini e M° Lorenzo Masi interpretano questo momento concertistico e didattico come uno dei cardini della vita culturale della prestigiosa istituzione garganica giunta ormai al suo trentacinquesimo anno di vita. Le scuole ospiti quest’anno saranno il 3 maggio l’Istituto Comprensivo “D’Apolito” di Cagnano Varano e il 17 maggio la Scuola Secondaria di I Grado “L. Murialdo” di Foggia, presenti con le rispettivi compagini orchestrali.

Nel dettaglio i “Concerti di Primavera” si apriranno l’8 aprile l’Ensemble d’Archi nato nella classe di Musica da Camera del M° Francesco Mastromatteo che presenterà un programma incentrato sulle serenate e divertimenti per archi di Mozart, unitamente al Duo Concertante di Singelèe con solisti e direttori Manuel Padula e Federica Petrosino, sassofonisti allievi del M° Gabriele Buschi. Si prosegue martedì 12 aprile con l’Ensemble di Sassofoni del Conservatorio diretto dal M° Giovanni Ieie, in un programma di ampio respiro che va dal folklore irlandese ai virtuosismi di Pedro Iturralde, quindi mercoledì 27 aprile due trii, il primo composto dal M° Matteo Bevilacqua (mandolino)e dagli studenti Marco Facciorusso (mandolino) e Antonello Stefania (chitarra), proporrà i raffinati brani di Calace e Munire, mentre il M° Ettore Pellegrino (Violino), M° Cosimo Leuzzi (clarinetto) e M° Federica Bortoluzzi (pianoforte) eseguiranno pagine ricche di brillanti invenzioni timbriche di Milhaud e Kachaturian. Martedì 3 maggio sarà la volta dell’Ensemble di Clarinetti del Conservatorio, eredità dall’alto profilo artistico e professionalità generosa del M° Giuseppe Coco, nonchè degli attuali docenti, M° Michele Castelluccia e M° Federico Paci, diretto per l’occasione da Giovanni Ieie. La seconda parte dell’evento ospiterà il Sestetto Jazz del Conservatorio, costituito da tutti i docenti del Dipartimento Jazzistico dell’Istituzione, uno delle specializzazione formative di maggiori rilievo artistico della sede garganica. Si potranno ascoltare il M° Daniele Partipilo (sax alto), M° Daniele Scannapieco (sax tenore), M° Antonio Tosques (Chitarra), M° Giuseppe Spagnoli (piano), M° Francesco Angioli (bass) e M° Fabio Accardi (drums). Mercoledì 11 maggio saranno di scena il M° Vilma Campitelli e la sua classe di flauto in un piacevolissimo programmi di brani da salotto ottocenteschi, seguita dal Coro della Classe di Esercitazioni Orchestrali, diretto dal M° Pasquale Veleno, accompagnato nell’esecuzione del celeberrimo “Va Pensiero” dal Settimino strumentale costituito da docenti e allievi guidati dal M° Gabriele Buschi e Roberto Vagnini. Giovedì 12 maggio un ricco programma tardoromantico di alto profilo culturale per pianoforte a quattro mani del M° Antonella Previdi e del M° Biancamaria Piantelli, docente ospite per l’occasione. Martedì 17 maggio sarà la volta dell’Ensemble di Percussioni del Conservatorio diretto da Leonardo Ramadori, che attraverseranno tutta la storia della musica in una serie di brani entusiasmanti ricchi di sorprese timbriche e freschezza strumentale. Infine il 18 maggio il concerto di chiusura di aprirà con il quartetto di flauti costituito dal M° Francesco Petrelli, e dai docenti ospiti M° Sandro Carbone, M° Antonio Ciaramella e M° Maria Cama, che proporranno pagine di virtuosismo tecnico ed interpretativo di Telemann e Kulhau. A chiusura della serata si esibirà l’Ensemble di Fiati del Conservatorio di Rodi diretto da Giovanni Ieie, l’ensemble più ricco di storia musicale della sede garganica ed autentico riferimento culturale della vita artistica sul Gargano. In quest’occasione tra l’altro l’ensemble affiancherà anche la master-class di direzione d’orchestra di fiati tenuta dal M° Mirco Barani.

Tutti i concerti avranno inizio alle 18.30 presso l’Auditorium della sede di Rodi Garganico del Conservatorio “Umberto Giordano”, Strada Santa Croce s.n. Per info: tel 0884/966580, conservatoriorodi@gmail.com

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici