Pubblicato il n. 33 di «Frontiere»

tusiani“Frontiere” è una rivista, diventata col tempo annuale, che accompagna fin dalla nascita nel 2000 l’attività del Centro di Documentazione sulla Storia e la Letteratura dell’Emigrazione, istituito in quello stesso anno dal Comune di San Marco in Lamis, in provincia di Foggia. Diretta da Sergio D’Amaro e forte di un comitato di redazione in cui figurano, tra gli altri, Cosma Siani, Michele Presutto, Salvatore Ritrovato e più recentemente Francesco Giuliani, annovera tra i suoi collaboratori alcuni critici e studiosi delle università italiane e straniere.

Il fascicolo n. 33 del 2016, appena uscito dai torchi con la sponsorizzazione della BCC di San Giovanni Rotondo e della Fondazione Banca del Monte “D. Siniscalco Ceci” di Foggia, contiene una sezione dedicata a due grandi tragedie dell’emigrazione italiana del ‘900 come Mattmark e Marcinelle. A proposito di quest’ultima, particolare interesse riveste l’intervista rilasciata dal cantautore italo-belga Adamo, che ricorda la sua esperienza familiare in Belgio tra anni ’40 e ’50.

Altra interessante sezione è dedicata al critico Francesco De Sanctis nell’imminenza del duecentesimo anniversario della nascita. Ne ricostruisce gli anni cruciali dell’esilio in Svizzera l’italianista dell’Università La Sapienza di Roma Nicola Longo.

Il fascicolo comprende anche un’intervista inedita dello studioso italo-americano Roberto Ruberto (scomparso nel 1972) allo scrittore Gregory Corso, tra i più famosi rappresentanti della beat generation insieme a Jack Kerouac, Allen Ginsberg e Lawrence Ferlinghetti. Fermandosi ancora negli States, “Frontiere” propone il periodico inserto dedicato a Joseph Tusiani, di cui è uscita recentemente in edizione Bompiani l’autobiografia In una casa un’altra casa trovo, uno dei più memorabili affreschi sulla Little Italy di New York tra anni ’40 e ’70.

Altre sezioni della rivista sono riservate al Fondo Levi Meridionalista, ad alcuni importanti anniversari (Bassani, Ginzburg, Cassieri, Longhi, Barolini), e alle segnalazioni delle novità librarie di ambito latamente migratorio.

La rivista viene inviata a studiosi, critici, scrittori, giornalisti e ad alcuni enti culturali, tra cui centri studio, fondazioni e biblioteche, sia in Italia che all’estero. Per consultare il relativo sito e scaricare gratis i numeri arretrati e quello corrente della rivista basta navigare sul seguente indirizzo: www.centrostuditusiani.com.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici