Sequestri Calenella, il plauso del Parco del Gargano

baia-calenella_10Il Parco del Gargano plaude ai Carabinieri della stazione di Vico del Gargano ed ai colleghi del Noe per l’operazione compiuta oggi nella piana di Calenella che ha portato al sequestro di terreni, strutture e di un lido balneare. Tutte opere edilizie messe in piedi senza titolo nel cuore del Parco del Gargano e in un’area caratterizzata da numerosi vincoli paesaggistici.

“Da sempre, con tenacia e con tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione -dichiara il Presidente del Parco del Gargano Stefano Pecorella- perseguiamo ogni forma di abusivismo all’interno della nostra area protetta. Lo facciamo da tempo anche in accordo con la Procura di Foggia, pertanto ben vengano operazioni come questa che mettono a nudo coloro che ritengono di poter fare del territorio ciò vogliono e di agire nell’illegalità spacciando per strutture turistiche quelle che non sono altro che opere abusive. Quello che è l’impegno dell’Ente Parco nei confronti della splendida baia di Calenella è sotto gli occhi di tutti: denunce agli organi inquirenti e stralcio dell’area stessa dal PUG di Vico del Gargano”.

I militari, nel corso dei controlli, hanno accertato che la società aveva realizzato un lido abusivo, installando 10 strutture prefabbricate, alcune delle quali allestite a servizi igienici ed altre a banchi da cucina. Il lido era stato realizzato su un’area sottoposto a vincoli paesaggistici e senza alcuna autorizzazione. I carabinieri, inoltre, hanno accertato che era stata anche realizzata, sempre abusivamente, una strada che collega lo stabilimento alla statale 89. Al termine delle attività i carabinieri hanno sequestrato l’area di circa 6mila metri quadrati e le strutture per un valore di due milioni di euro. Due le persone denunciate: il presidente del consiglio di amministrazione della società e il suo presidente.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici