Sequestrato il GrandApulia a 5 giorni dall’apertura

grandapuliaInizia nel peggiore dei modi l’avventura del centro commerciale più grande del meridione realizzato dal gruppo Sarni a Borgo Incoronata, zona Asi. Da alcune ore è in corso un’operazione del Corpo Forestale dello Stato e della Guardia di Finanza su disposizione della Procura di Foggia. L’area su cui sorge il centro commerciale, che dovrebbe essere inaugurato il prossimo 1 Dicembre, è stata posta sotto sequestro per reati ambientali che sarebbero stati commessi con lo sversamento dei reflui dell’ex zuccherificio e lottizzazione abusiva.

A regime si prevede che il GrandApulia potrebbe essere frequentato in media da 15-20mila persone. Oltre 50mila le candidature di personale pervenute e circa 700 i dipendenti finora assunti. Tra i marchi più attrattivi c’è il colosso spagnolo Zara, che ha preso un’intera ala del centro, e H&M. Anche Mediaworld ha puntato molto su Foggia, garantendosi uno spazio importante. Diverso il discorso di Coop, che ha deciso di limitarsi al food, forse per non dare un colpo di grazia alla Mongolfiera.

I REATI CONTESTATI AL GRUPPO SARNI

8 commenti

  1. Vincenzo Campobasso

    A me queste strane cose puzzano del solito modo di fare all’italiana. Prima si danno i permessi, prima si lascia costruire, poi… PATAPUMM e la Magistratura irrompe in campo, blocca la partita, blocca tutto. Non si sapeva da prima che in quella zona lo zuccherificio aveva eseguito degli sversamenti? Speriamo che si faccia presto luce e che il GRANDAPULIA non faccia la fine dei palazzi di PUNTA PEROTTI a BARI! (Anche quelli, lasciati costruire, poi… BBBUM! e buttati giù). E questa è l’ITALIA che ha diffuso civiltà al mondo!

  2. Maria Soccio

    Questa è l’Italia…
    Tutto ciò non si poteva fermare al nascere??? Eh no!!!!! Si aspetta il disastro ambientale per fermalo o si aspetta che qualcuno mangi di più??
    No, questo è inaccettabile!!!!
    Fermare una struttura che offre tanto lavoro adesso ad un passo dall’apertura…😡

  3. Lucia Cardone

    La stessa cosa che ho detto io !

  4. Gae Delli Carri

    Qui c’è di mezzo lo zampino della Regione Puglia e di qualche politico e potente sporco Barese. .
    Si chiama boicottaggio. .

  5. Se l’apertura di nuovi centri commerciali deve essere motivo d’indignazione per un territorio da riempire addirittura le prime pagine dei quotidiani locali…allora siamo messi proprio bene! Complimenti alla procura e alle forze dell’ordine che hanno (per ora) protetto la popolazione da eventuali danni alla salute. Per l’ambiente e gli Animali…il peggio è stato già fatto!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici