Rifiuti: Cantone denuncia Regione Puglia e comuni del Gargano

rifiuti-bidoni“Prolungato ricorso sindaci a ordinanze per proroga affidamenti”. Nel mirino dell’Autorità Nazionale Anticorruzione la Regione Puglia e i comuni dal Gargano al Salento per la gestione poco trasparente degli Ambiti di Raccolta Ottimali dei rifiuti 

Il presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione (Anac), Raffaele Cantone, ha presentato alla Procura di Bari e alla Corte dei Conti una denuncia sulla gestione degli ambiti di raccolta ottimali per i rifiuti (Aro) della Regione Puglia. Cantone denuncia in particolare “il prolungato ricorso dei sindaci alle ordinanze contigibili ed urgenti di proroga degli affidamenti, invece di far funzionare gli Aro e di indire pubbliche gare nel rispetto della legge” chiedendo di verificare reati penali e spreco di soldi pubblici che potrebbero nascondersi dietro la gestione poco cristallina degli affari milionari della spazzatura.

Ancora una volta gli amministratori – è scritto nella relazione di Cantone – sono sintomo ed evidenza di una amministrazione locale più interessata al mantenimento dello status quo anziché proseguire, pur nel rispetto delle legittime prerogative e interessi locali, obiettivi sfidanti, migliorativi dello status quo medesimo, che coincidono con la prevenzione della corruzione e la piena contendibilità del ricco mercato pugliese dei servizi di gestione unitaria dei rifiuti”. La Regione avrebbe tenuto un comportamento “inadempiente”, non essendosi sostituita agli enti locali pur essendo a conoscenza di situazioni di palese illegittimità. Nella relazione, che riguarda tutti gli Aro della Puglia, Cantone sottolinea la scarsa presenza “di condivisione della attività amministrativa, di un confronto costruttivo tra i rappresentanti delle comunità locali, che ha impedito una sintesi degli interessi locali tempestiva, stabile e produttiva di effetti”.

L’intervento dell’ANAC era stato di recente sollecitato dall’Avv. Pietro Quinto per la vicenda dell’ARO LE/9 e tale vicenda che ha consentito all’Autorità di Vigilanza di sindacare anche l’attività delle altre ARO riceve una durissima reprimenda da parte di Raffaele Cantone. Da qui la segnalazione dell’Anac alla magistratura penale e contabile, chiamata ad accendere un faro sulla gestione di rifiuti nell’intero territorio pugliese.

2 commenti

  1. Domenico Trombetta

    Il Dott.Cantone dovrebbe fare una visitina a Rodi Garganico. Sono anni che qualcuno denuncia certe abitudini, nel totale silenzio delle istituzioni preposte al controllo.

  2. Lazaro Vecera

    Da sempre gli appalti dei rifiuti sono mangiatoia di mazzette per le amministrazioni nell’Italia intera, almeno per l’ 80% ……lascio un 20% perche’ di amministratori onesti ce ne sono.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici