Vergogna!

domenico-sangilloEcco cosa riserva l’Amministrazione Comunale di Rodi Garganico ai figli migliori che ci hanno lasciato per un’altra vita e mi riferisco al compianto Mimì Sangillo, il GRANDE Mimì, il MAESTRO d’Arte e di Vita, rispettato, stimato ed onorato da uomini di cultura e da umili, purtroppo non da quelli di casa nostra!

Ai suoi funerali non una corona, non un fiore, non il Gonfalone, non un sindaco con la fascia tricolore, nemmeno un’orazione funebre che normalmente si pronuncia per la scomparsa di un Grande, come Mimì Sangillo, che fra l’altro era stato insignito nel 1987 dal sindaco Teodoro Moretti di una medaglia d’oro per la sua attività artistica! Che vergogna! Questi “signori” amministratori hanno un cuore di… pietra! Insensibili alla cultura, alle norme di convivenza civile, alla pietà cristiana…

Questi avidi amministratori, noncuranti della miseria che affligge il popolo rodiano, affossato dalle loro scellerate delibere, hanno anche la pretesa di assegnarsi l’indennità mensile(!) e continuano ad amministrare con deliberata faccia tosta e soprusi abolendo la democrazia, per far tacere gli oppositori! Che vergogna!

Ma la colpa maggiore ce l’ha il popolo rodiano, indifferente a quanto gli sta intorno, codardo di natura e falso. Sa solo lamentarsi, criticare, calunniare ma esporsi alla luce del sole… MAI! Non mi meraviglierebbe affatto che i “signori” detentori del potere, vengano rieletti alle prossime amministrative! Rodiani con gli attributi non ne conosco! Che vergogna! Sono nato in questo paese, amo Rodi. Nelle mie lunghe permanenze all’estero sognavo il molo di Rodi Garganico e il rione dell’Albero di Gelso (u ped a cevz) e ritornandoci per vivere mi accorgo, ahimè, che nel mio paesello abbonda l’egoismo, la criminalità e il malaffare amministrativo e io con questo cumulo di brutture non voglio convivere ma continuerò a battermi, anche da solo, affinché Rodi Garganico sia degno di essere definito luogo ameno, civile, rispettoso delle leggi e democratico.

Ai “signori” Amministratori dico: VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA!

Nino Gervasio

3 commenti

  1. Silvana Silva

    Perché non iniziamo noi che abbiamo amato Mimì ammirandone la sua arte a fare qualcosa per lui. Un piccolo gesto. Ciascuno potrebbe far mettere una sua poesia sul muro esterno della propria casa, far dipingere un murales di un suo quadro. Mimì mi ha fatto conoscere chi gli faceva quelle pietre per lui….perché quelle bellissime poesie Mimì le ha offerte lui a tutti i Rodiani. Allora tutti noi rispondiamo mettendo una sua poesia sulle nostre case e Rodi sarà ancora più bella e nelle vie echeggeranno le dichiarazioni d’amore al Gargano che Mimì faceva nei suoi versi. …

  2. Angelo Alessio Guerra

    Veritá sacrosanta e vergogna infinita!

  3. Rodi garganico con la scomparsa del maestro Sangillo a perso un pezzo di storia. Lo conoscevo io sono nato in via crocifisso

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici