Da stanotte torna in vigore l’ora solare

ora-solareNella notte tra sabato 29 e domenica 30 ottobre 2016, le lancette degli orologi verranno spostate indietro di un’ora, dalle 3:00 alle 2:00, in quanto l’ora legale lascerà il posto all’ora solare che ci accompagnerà sino al 26 marzo 2017. La scelta di effettuare il cambio di notte non è certo casuale e avviene quando la circolazione di treni, aerei e altri mezzi di trasporto pubblici è ridotta al minimo, limitando quindi gli sfasamenti rispetto agli orari giornalieri programmati.

Con un totale di 195 Paesi in tutto il mondo, solo 76 Stati porteranno indietro le lancette. Non utilizzano l’ora solare i paesi vicini all’equatore per i quali la differenza di illuminazione durante l’anno è minima; così come la maggior parte dei Paesi africani e asiatici, mentre in nord America sono fuori dalla convenzione le isole Hawaii e lo stato dell’Arizona. I Paesi dell’emisfero australe, avendo stagioni invertite, hanno, ovviamente, anche le date di ora legale e ora solare speculari, per cui in Australia le lancette a fine ottobre vanno messe avanti di un’ora. Le Baleari richiedono con forza di poter proseguire con l’ora legale; Ibiza, Minorca, Maiorca e Formentera vorrebbero godere di un’ora in più di sole al pomeriggio per favorire i turisti fuori stagione.

Secondo quanto rilevato da Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale, durante il periodo di ora legale, iniziato il 27 marzo 2016, grazie proprio a quell’ora quotidiana di luce in più che ha portato a posticipare l’uso della luce artificiale, l’Italia ha risparmiato complessivamente 573 milioni di kilowattora (552 milioni di kWh il dato del 2015), un valore pari al consumo medio annuo di elettricità di circa 210 mila famiglie, per un controvalore pari a circa 90 milioni di euro. Dal 2004 al 2016 il risparmio complessivo del Paese è stato di circa 7 miliardi e 840 milioni di kilowattora, pari a un valore di circa 1 miliardo e 170 milioni di euro.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici