La verità sull’ISIS e i gruppi terroristici correlati creati e gestiti dagli Ebrei

isisIl gruppo terroristico conosciuto come “ISIS” si sta facendo parecchio conoscere nell’ultimo periodo; tuttavia, davvero pochi sono a conoscenza della verità che riguarda questa organizzazione maligna che essenzialmente non è altro che un’organizzazione diretta alla distruzione dei Gentili. Questo articolo dimostra che l’Isis è un’altra bugia il cui scopo è quello di mettere in conflitto gli occidentali contro l’Oriente.

L’ISIS sta presumibilmente per “Stato Islamico in Iraq e in Siria” (Islamic State in Iraq and Syria). Perlomeno così sembrerebbe. D’altra parte, c’è un potente collegamento inconscio che i creatori di questo programma stanno sfruttando. Come è stato detto da molti che non sono stati ingannati, PERCHÉ DEGLI ARABI USEREBBERO UN ACRONIMO INGLESE? All’istante ci si rende conto che non ha senso, e questo è il primo segnale di allarme a segnalare che l’”ISIS” non è di origine araba.

Quando si fa un’ulteriore ricerca, diventa chiaro che l’acronimo dell’ISIS è stato di fatto usato da tempo dal Mossad, il gruppo segreto di intelligence israeliano, e adesso è stato riciclato, allo scopo di assegnare un nome al gruppo terroristico.

Israeli Secret Intelligent Service (in italiano Servizio Segreto di Intelligece Israeliano). L’iniziale di ogni parola rende ben chiaro “ISIS”, e questo gruppo è stato conosciuto come tale da breve dal suo concepimento. Sono infatti gli ebrei che da tempo stanno usando il nome dell’ISIS per i loro gruppi terroristici.

QUAL E’ IL VERO SCOPO DELL’ISIS?

Chiunque conosce le intenzioni dell’ISIS così come ce le hanno raccontate, vale a dire la fondazione di uno stato islamico. (Tieni a mente che l’Islam è soltanto un altro programma ebraico.) Tuttavia, il loro vero obbiettivo va molto più a fondo di questo e comporta un grande sforzo di giocare entrambe le estremità contro il mezzo “Manipolare opponenti o competitori in maniera da beneficiare il manipolatore”. In altre parole, si tratta di controllare due gruppi al fine di usarli entrambi per metterli l’uno contro l’altro, o/e per creare un’illusione che funziona a favore dei manipolatori. Il punto principale è che c’è un solo manipolatore che ha controllo di entrambi le parti, all’insaputa di tutti. Gli ebrei hanno usato questa tattica sin dall’inizio dei tempi.
Essi controllano sia il gruppo terroristico dell’ISIS che la presunta opposizione ad esso. L’obbiettivo è di far credere agli ignoranti che si stia combattendo contro uno straniero nemico terrorista. In tutte le realtà, questa è un’illusione gigantesca. Non c’è nessun nemico straniero e terrorista. C’è solo la loro falsa copertura che non è altro che un loro ramo.

Cosa hanno fatto? Hanno dato la colpa della creazione e delle azioni di questo gruppo terroristico agli Arabi Gentili, togliendo l’attenzione del mondo da loro e mettendola su altro gruppo. Questo gli conviene siccome accresce l’odio e la rabbia tra i Gentili, invece di dirigere questi sentimenti verso il vero nemico. Malgrado combattiamo tra di noi, loro sono liberi di continuare a fare ciò che vogliono. Il loro scopo è distruggerci dall’interno. Perché sporcarsi le mani e uccidersi quando possono convincerci a fare il lavoro al loro posto? E’ molto più facile in questo modo. Loro vogliono che noi facciamo il loro lavoro sporco creando odio e animosità tra di noi. Ciò gli dà la perfetta opportunità di prendere parte per distruggerci con il nostro supporto e con i nostri soldati ciechi davanti alla verità che ciecamente obbediscono. Il loro compito è facile.

Il 90% del Mondo Occidentale sta urlando “combattete gli Arabi” perché sono stati ingannati nel credere che gli attacchi terroristici siano di origine Araba, sebbene gli ebrei stanno poi in piedi e allegramente rispondo “Bene, vi aiuteremo. Meglio ancora, supportateci, prendere parte al nostro esercito e andremo in guerra contro loro insieme e li distruggeremo una volta per tutte“. Quindi, i Gentili sono indirizzati nel distruggersi a vicenda mentre gli Ebrei ridono per il loro risultato. E’ una situazione triste, a dire il minimo.

C’è un altro scopo principale nella creazione dell’ISIS, ossia ottenere supporto per la guerra d’Israele contro gli abitanti “scomodi” del Medio Oriente, così che possano impossessarsi di quella terra con maggior facilità. Hanno invaso a lungo la Palestina e la striscia di Gaza, costringendo gli “scomodi” abitanti orientali a lasciare le loro case e la terra che hanno lavorato per secoli… la terra che gli appartiene di diritto come originali abitanti pagani. E’ tutta propaganda.

Ecco un’interessante citazione da un ex agente di sicurezza statunitense: “L’unica soluzione per la protezione dello stato Ebraico è di creare un nemico vicino ai suoi confini“. Piuttosto, l’illusione di un nemico!

Può darsi o no che a qualcuno venga uno shock nel sapere che il fondatore dell’ISIS è di fatto un cittadino israeliano, e che opera all’interno del Mossad giudaico. Abu Bakr Al Baghdadi è di fatto un cittadino israeliano nonché l’agente sottocopertura del Mossad, Simon Elliot. Al fine di essere pienamente consapevoli e completamente liberi dalla trappola nella quale gli ebrei ti hanno messo, hai bisogno di capire che l’Islam stesso è semplicemente un altra copertura ebraica, ancora un altro programma di distruzione dei Gentili. Così come Simon Elliot, c’è una moltitudine di altri agenti dell’ISIS e di coloro che sono coinvolti nei gruppi terroristici correlati ebraici i cui veri nomi provano essere di discendenza ebraica. Adam Gadahn è in realtà Adam Pearlman, un membro dell’ADL. Le sue origini ebree sono state ben documentate. “Il nonno giudeo paterno di Gadahn, Carl Pearlman, era un urologo prominente; e nel Consiglio di Amministrazione della Anti-Defamation League. Secondo Gadahn, suo nonno era un “sostenitore zelante” d’Israele.” Ci sono molti altri esempi in video provano che l’ISIS è gestita da Ebrei. Ci sono tante altre prove a dimostrarlo, basta fare qualche ricerca.

Quindi ora ci si pone la domanda… perché tutti i leader di un un gruppo terroristico apparentemente Arabo è di fatto di sangue ebreo? La risposta è: questa non è affatto un’organizzazione d’esecuzione Araba, ma un’illusione ebraica rivolta ad incoraggiare la distruzione delle Popolazioni Gentilizie.

In conclusione, è più che evidente che queste organizzazione terroristiche sono coperture per mettere uomo contro uomo (non ebrei) e promuovere la supremazia ebraica.

Lo Stato Islamico è in gran parte venuto fuori dal conflitto in Siria e questo gli ha consentito di elevarsi al punto in cui si trova ora. La maggior parte dei gruppi ribelli in Siria sono procure di Washington, Israele e della trinità dell’Arabia Saudita del potere Ebraico. I ribelli sono principalmente combattenti stranieri e sono addestrati in Giordania e trasferiti attraverso il confine. Israele ha aiutato le armate della procura ribelle fornendo accampamenti, ospedali nelle alture del Golan e armandoli. E anche gli attacchi aerei contro la Siria con la loro aeronautica militare. Impostare una politica decisa per l’Iraq che ha fatto tutto il possibile per creare un corrotto, arretrato e debole nuovo Iraq e portandolo ad essere uno stato destabilizzato. Le politiche hanno fatto mettere le mani ai capelli. Non era incompetenza, era voluto. Il piano per l’Iraq era il suo scioglimento permanente come una Nazione dall’inizio [appena nata]. Gli ebrei non hanno applicato tutto quello sforzo contro l’Iraq per ricostruirla rendendola una nazione potente che potrebbe ritorcersi contro di loro. Di certo, hanno detto un sacco di cavolate parlando della liberazione dell’Iraq e di ricostruirla. Sono tutte sciocchezze. Parte di ciò era per mettere un corrotto governo sciita al potere che reprimesse i sunniti sempre di più. Questo è stato cruciale per la situazione attuale e per far sì che lo Stato Islamico si elevasse al potere. Questo è anche un movimento di liberazione Sunnita adesso.

Anche le linee di confine nazionali della Siria e dell’Iraq sono artificiali, furono create dagli inglesi dopo aver preso la regione dagli Ottomani. Non si sono mai preoccupati di tracciare i confini in base alle popolazioni, tribù, culture ed etnie. . L’Iraq è sempre stato Sunnita, Sciita e Curdo, e loro non si sono mai piaciuti a vicenda. Così si contribuisce ad un decennio di maggior destabilizzazione, ostilità etniche e ingerenza da parte delle potenze Occidentali controllate dagli Ebrei, come ad esempio le guerre per la procura in Siria e in Libia. E’ solo questione di tempo prima che qualcosa come lo Stato Islamico sia successo.

Lo Stato Islamico sta assumendo i maggiori nemici organizzati di Israele nel Medio Oriente. La popolazione Sciita. Assad è Sciita e i suoi alleati del Partito di Dio in Libano che hanno sconfitto due volte Israele e così Teheran. La missione dello Stato d’Israele è di sterminare l’intero mondo Sciita. Gli Ebrei vogliono anche cancellare il Ba’thismo. E’ un’ideologia che è la realizzazione per creare un’unione moderna degli Stati Arabi che vanno contro Israele. La Siria è l’ultimo stato Ba’thista rimasto. Migliaia delle sue persone sono morte combattendo per la Libia contro le deleghe Ebree che hanno distrutto la regione e messa nel barbarismo. Lo stato Islamico sembra avvantaggiare Israele distruggendo l’Iraq e dividendola in uno stato dove Sunniti, Curdi e Sciiti saranno in una guerra costante. Comunque sia, Baghdad si stava avvicinando troppo a Teheran. Nella mia opinione lo Stato Islamico è nell’ultima fase di diventare un Esercito permanente creando uno stato che sarà permanente. Questo metterà il Medio Oriente in decenni di guerra senza fine all’interno del mondo Islamico. Di certo gli Ebrei vorrebbero dare una mano finanziando e fornendo armi. Questo ci mostra quello che realmente vogliono. Lo Stato Islamico inoltre fornisce a loro una propaganda senza fine e una scusa per ulteriori interventi militari Occidentali che è la nuova retorica che sta uscendo da Washington. Così se lo stato Islamico non è stato creato da Israele possono comunque avvantaggiare i piani di Israele.

Credo che la situazione in Medio Oriente sia arrivata, finalmente, ad un punto di non ritorno. Il fattore è che nel mondo Abramatico, che in tutti credono, deve esserci una guerra mondiale in questa regione per portare la fine del mondo e il ritorno del loro dio. Il potere inconscio collettivo di centinaia di milioni di persone, l’energia fisica di secoli riversata in questo, e l’ammontare di persone che provarono in questo programma un alto livello di controllo e di potere internazionale potrebbero portare ciò nella realtà.

L’Arabia Saudita ha rivendicato sul suo canale televisivo pubblico, Al-Arabiya, che l’Emirato Islamico è soggetto all’autorità del principe Abdul Rahman al-Faisal, fratello del principe Saud al Faisal (Ministro degli Esteri), e del principe Turki .

Armi ucraine nuove fiammanti sono state acquistate dall’Arabia Saudita e scortate dai servizi segreti turchi che le hanno consegnate all’Emirato Islamico. Gli ultimi dettagli sono stati definiti con la famiglia Barzani in una riunione dei gruppi jihadisti ad Amman, il 1° giugno 2014.

L’Emirato Islamico si è impadronito della parte sunnita del Paese, mentre il Governo regionale del Kurdistan ha ampliato il proprio territorio di oltre il 40%. Fuggendo le atrocità degli jihadisti, le minoranze religiose hanno lasciato la zona sunnita, aprendo così la strada alla spartizione del paese in tre.
L’Emirato Islamico è paragonabile agli eserciti mercenari del Cinquecento europeo. Quelli conducevano guerre di religione per conto dei signori che li pagavano, a volte in un campo, a volte in un altro. Il Califfo Ibrahim è un condottiero moderno. Nonostante sia agli ordini del principe Abdul Rahman (membro del clan dei Sudairi), non ci sarebbe da stupirsi se egli proseguisse la sua epopea in Arabia Saudita (dopo una breve deviazione in Libano, o perfino in Kuwait), e se troncasse la successione reale favorendo il clan dei Sudairi contro il principe Mithab (figlio e non fratello di re Abdullah).

Ibrahim al-Badri, alias Abu Du’a, alias Abu Bakr al-Baghdadi, alias Califfo Ibrahim, mercenario del principe Abdul Rahman al-Faisal, finanziato dall’Arabia Saudita, dal Qatar e dagli Stati Uniti. Può commettere tutti gli orrori che le Convenzioni di Ginevra proibiscono.

Attraverso titoli terrificanti e video scioccanti, l’ISIS viene utilizzata come strumento per giustificare la guerra in Medio Oriente e per provocare paura e panico in tutto il mondo. No, questa non è una “teoria della cospirazione”, è semplicemente il più vecchio trucco utilizzato dall’elite.

L’ISIS è stata creata dalle forze che la combattono.

Fin dalla creazione delle nazioni democratiche – quando ancora l’opinione pubblica contava – la classe politica era posta di fronte ad un dilemma: La guerra è necessaria per ottenere il potere, la ricchezza, e il controllo, ma il pubblico ha la tendenza ad essere contrario ad essa. Cosa fare? La risposta è stata trovata decenni fa ed è ancora utilizzata con successo oggi: Creare un nemico così terrificante che le masse implorino il governo di andare in guerra.
Questo è il motivo dell’esistenza dell’ISIS. Questo è il motivo per cui i video delle decapitazioni sono così “ben prodotti” e pubblicizzati in tutto il mondo attraverso i media mainstream. Questo è il motivo per cui le fonti di notizie riportano regolarmente titoli allarmistici circa l’ISIS. Essi sono utilizzati per servire al meglio gli interessi delle élite mondo. Gli obiettivi sono: influenzare l’opinione pubblica per favorire l’invasione dei paesi del Medio Oriente, fornire un pretesto per l’intervento di una “coalizione” internazionale e produrre una minaccia nazionale che verrà utilizzata per togliere i diritti e aumentare la sorveglianza. In breve, l’ISIS è un altro esempio della tattica secolare utilizzata per creare un nemico terribile in modo spaventare le masse.
Pochi decenni dopo, questi “combattenti per la libertà” si sono trasformati in terroristi talebani, tra i quali Osama bin-Laden, inizialmente un agente della CIA e successivamente nemico pubblico n ° 1. Il gruppo è stato poi usato per giustificare la guerra in Afghanistan. Si tratta di uno dei numerosi esempi in cui è stato creato un gruppo islamico, finanziato e utilizzato per promuovere gli interessi degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno anche sostenuto la Fratellanza Musulmana in Egitto, il Sarekat Islam in Indonesia, il Jamaat-e-Islami in Pakistan, e il regime islamico di Arabia Saudita per contrastare la Russia.

“L’America non ha amici o nemici permanenti, solo interessi”. Henry Kissinger

Per molti abitanti del Medio Oriente, le azioni e il modus operandi dell’ISIS sono sospetti. Il gruppo infatti sembra essere fatto su misura per aiutare gli Stati Uniti e la coalizione a raggiungere i suoi obiettivi militari in Medio Oriente.

CONCLUDENDO

L’ISIS ha tutte le caratteristiche di un gruppo jihadista sponsorizzato dalla CIA, creato per facilitare la guerra all’estero e la repressione in patria. Se guardiamo la storia del “divide et impera” nel Medio-Oriente o i dettagli sospetti riguardanti l’ISIS e le ripercussioni della sua esistenza nel mondo occidentale, si può facilmente vedere come l’ISIS è la continuazione di un modello evidente. La domanda più importante da porsi è questa: Chi trae vantaggio dalla presenza dell’ISIS e del terrore che genera? Che cosa ci guadagna l’ISIS creando un video che provoca i più potenti eserciti del mondo? Gli attacchi aerei? D’altra parte, che cosa ha da guadagnare la classe dominante del mondo occidentale? Ovviamente il denaro da guerra ed armi, il controllo del Medio Oriente, il sostegno ad Israele, l’aumento dell’oppressione e la sorveglianza sulle popolazioni nazionali e, infine, il mantenimento delle masse in un costante stato di terrore.

In breve, è stato ritenuto necessario alimentare il panico in tutto il mondo, attraverso il caos in Medio Oriente per arrivare ad un nuovo ordine mondiale. ‘Iside’, la dea egizia e madre di Horus, è il nome di una delle figure più importanti per l’elite massonica. Il loro motto? Ordo ab Chao … ordine dal caos.

Nino Gervasio

2 commenti

  1. Sonia Daniele Papagno

    Grande articolo, degno di nota…complimenti!

  2. Complimenti è un bell’articolo. Condivido questa teoria, come ho scritto più volte sul mio blog E-Cronaca.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici