Bonus idrico: acqua gratis ai più bisognosi

bonus-idricoE’ in arrivo il “bonus acqua”, il provvedimento che consentirà la fornitura gratuita di un quantitativo minimo giornaliero di acqua a chi si trova in difficoltà economiche. Il Decreto del Presidente del Consiglio, appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, è in fase di perfezionamento e sarà pienamente operativo tra 4-5 mesi. Lo ha annunciato Carlo Maria Medaglia, capo della segreteria tecnica del Ministero dell’Ambiente, in occasione del Convegno inaugurale di “H2O 2016”, la 13a edizione della Mostra internazionale dell’Acqua organizzata da BolognaFiere, che proseguirà fino a venerdì 21 presso il Quartiere fieristico di Bologna.

Coloro che avranno i requisiti previsti dal DPCM, potranno dunque usufruire gratuitamente di 50 litri di acqua al giorno per ogni persona del nucleo familiare. “Lo scopo finale è quello di sostenere le utenze domestiche residenti disagiate attraverso strumenti tariffari idonei, come il bonus idrico”, ha spiegato Medaglia, “che diano accessibilità al quantitativo minimo di acqua e, al tempo stesso, siano in grado di garantire il rispetto del principio ‘chi inquina paga’ e del principio della copertura dei costi sanciti dalla Direttiva Quadro europea sulle Acque. Questo nuovo provvedimento è un tassello fondamentale a livello legislativo per una politica dell’acqua chiara ed efficace”.

3 commenti

  1. Giannangelo Pecorelli

    Ottima ed eccellente iniziativa umana ..Dare da Mangiare agli affamati…..Dare da Bere agli assetati opere ottime.. Mi ricordo negli 40 eravamo senza luce, sia nelle strade, e nelle case. con lume a olio exstravergine , a petrolio .E per fare il pane ,per la durata di 7 giorni , in sostituzione al sale ….acqua marina .Si aveva i soldi ma non c’erano panifici …in ricompensa il Forni a Legna anni durissimi antiguerra e dopoguerra…Strade non sfaltate .ricchi di polvere inquinati pane e pomodori…e Cor cuntent

  2. Costanzo Trombetta

    Ed è così che un bene comune, di primissima necessità…..diventa un bonus…incommentabile! Quando cominceranno ad imporci anche il quantitativo minimo di aria che potremo respirare…avremo raggiunto l’apice dell’involuzione umana, il punto di non ritorno, la fine della civiltà. Oggi trasformano i diritti in bonus….e domani?

  3. Giannangelo Pecorelli

    L’acqua non costa niente ,sono le maestranze , Aggraviono i costi..Bisognebbe fare ogni casa una sonda per estrarre acqua del sottosuolo

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici