Aumenta l’erogazione di piccoli prestiti in Puglia

prestiti-pugliaSecondo le ultimissime stime elaborate da Eurisc, sono in forte aumento le erogazioni di prestiti personali in tutto il territorio nazionale. In particolare c’è da sottolineare l’ottimo andamento dei piccoli prestiti, ossia quei finanziamenti che vengono richiesti, solitamente, per il credito al consumo. Ottimi risultati anche per ciò che riguarda la regione Puglia nel suo insieme, con un incremento medio su base annua superiore al 10%.

L’indebitamento medio si attesta sui 4400 euro per nucleo famigliare a testimonianza che siano proprio i piccoli finanziamenti quelli più graditi dalle famiglie e dai privati in genere. Ovviamente gran parte del merito è da imputare ai bassi tassi di interesse che stanno caratterizzando questo particolare momento storico. Da Gennaio 2015, infatti, abbiamo assistito ad una graduale ma costante discesa dei tassi fino a raggiungere gli attuali, ed eccellenti, risultati.

Oggi, sia per quanto riguarda i piccoli prestiti sotto i 10 mila euro, che per i finanziamenti più importanti, non è difficile trovare prodotti a costi davvero eccellenti. Mediamente un prestito personale viene erogato ad un taeg del 6-7%, ossia ben 3-4 punti percentuali in meno rispetto a 12 mesi fa. La situazione diventa ancor più vantaggiosa per ciò che concerne i finanziamenti per l’acquisto della casa, con i tassi fissi al di sotto del 3%.

Ma nonostante questi eccellenti risultati, è ancora presto per parlare di una vera e propria ripresa economica. Se i tassi di interesse, come è logico pensare viste anche le recenti misure introdotte dalla Bce, rimarranno bassi ancora a lungo sicuramente gli effetti sui consumi saranno importanti. Secondo alcuni analisti, infatti, la curva di crescita dell’erogazione di finanziamenti è destinata a crescere nel corso di questo 2016.

La Banca Centrale Europea, infatti, applicherà uno sconto sull’emissione di denaro, a quelle banche che andranno ad utilizzare quei soldi per erogare finanziamenti sul territorio a famiglie e imprese. Ed è ovvio che per le banche i piccoli prestiti rappresentano uno degli strumenti più profittevoli per via del basso tasso di rischio e per il rendimento maggiore rispetto ad un mutuo.

Ma come funzionano, esattamente, questi prodotti? Cosa serve per poter accedere a questa tipologia di credito? Come viene evidenziato in questa guida, per ottenere dei piccoli prestiti personali con erogazione veloce è necessario disporre di una busta paga, di una pensione di anzianità o di un reddito da lavoro autonomo, il tutto ovviamente rapportato alla rata da pagare. Inoltre è molto importante avere una storia creditizia affidabile evitando, quindi, segnalazioni in crif o protesti.

In quei casi, infatti, l’erogazione dei prestiti diventa più difficoltosa e bisogna far ricorso ad un garante o, nel caso si abbia un contratto di lavoro a tempo indeterminato o una pensione, ad una cessione del quinto. Una volta in possesso dei documenti la banca provvederà a far partire la pratica di finanziamento e nel giro di 24-48 ore il cliente si vedrà accreditata la somma richiesta sul proprio conto. Insomma l’aumento dell’erogazione di prestiti deve essere visto come un’opportunità. Una buona notizia che, sul lungo periodo, potrebbe essere la chiave di svolta che permetta alla Puglia, e al paese nel suo insieme, di far ripartire i consumi e l’economia tutta.

1 Commento

  1. Elena Fasolin

    Il ché non è un buon segno… Come i “compro oro”!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici