Una colata di cemento sulla spiaggia di Lido del Sole

cemento-lido-del-soleLido del Sole, una spiaggia da sogno del Gargano, è stata deturpata da un muro e da una piattaforma per ballare in cemento costruiti dall’associazione ATAS che l’aveva avuta in comodato gratuito dal Comune.

L’obiettivo dell’Amministrazione era di valorizzare la spiaggia e di dotarla di un’area di giochi per i bambini e aveva rilasciato l’autorizzazione alla ATAS in tal senso. Al contrario, sono stati costruiti un muro che divide la spiaggia ed una sorta di sala da ballo a pagamento per i non tesserati, in modo difforme da quelli del progetto, motivo per cui il sito è stato poi sottoposto a sequestro dalla polizia municipale.

Lo affermano i Verdi di Capitanata e nazionali, in una nota. “Alcuni abitanti rodiani ci hanno segnalato questa situazione che ci preoccupa perché in Italia è diventata un’abitudine quella di negare l’accesso alle spiagge che sono un bene comune, con muri, reti, ordinanze poco chiare in aperta violazione della Direttiva Bolkenstein, tanto che il nostro Paese è stato sottoposto a procedura per infrazione comunitaria”, aggiungono i Verdi.

10 commenti

  1. Giannangelo Pecorelli

    peccato mamma natura crea……..l’uomo distrugge

  2. Donato Petrosino

    Ma non ci sono le telecamere presso il Comando di Polizia Municipale?

  3. Michele Montecalvo

    Le autorità competenti che fanno???????

  4. Giuseppe Sinigagliese

    le autorità (in) competenti non fanno niente, hai presente le tre scimmiette? non vedo, non sento, non parlo.

  5. Mario Russo

    una vergogna tutta rodiana, uno scempio e un danno incalcolabile chi sono i responsabili? le nostre, vostre bellezze della nostra amata rodi, vengono distrutte con colate di cemento armato

  6. Adriana Chauvelot

    Bel sistema per allontanare i turisti, di sicuro se uno viene qui per la prima volta, di certo, di fronte a un orrore come questo, non ci torna.

  7. Mario Russo

    le foto parlano da soleììììì

  8. Di Fazio Claudio Domenico

    ….sperando che non si arrivi al solito condono ed il mostro rimane……

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici