Puglia, 3 località «5 vele»

turismo-puglia-polignano-mareMare, ambiente, paesaggio: il meglio dell’Italia per quest’estate si trova in diverse regioni, con la Sardegna che svetta su tutte. In Puglia sono tre le località che meritano il massimo riconoscimento delle ‘cinque vele’, secondo la guida del ‘mare più bello’ di Legambiente e del Touring Club italiano presentata all’Expo di Milano alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

In Puglia confermate Otranto e Melendugno, promossa Polignano a Mare mentre Ostuni, penalizzata per il via libera ad un resort di lusso, perde una vela e si ferma a quattro. Delle 285 località presenti in classifica sono 38 complessivamente quelle pugliesi inserite nella guida di cui 11 nella provincia di Foggia.

Tra queste Chieuti (4 vele, 37° posto), Ischitella (3 vele, 76° posto), Monte Sant’Angelo (3 vele, 79° posto), Lesina (3 vele, 96° posto), Mattinata (3 vele, 116° posto), Sannicandro Garganico (2 vele, 137° posto), Vico del Gargano (2 vele, 138° posto), Vieste (2 vele, 161° posto), Peschici (2 vele, 212° posto), Rodi Garganico (2 vele, 213° posto).

Nella classifica delle 27 località presenti nelle Isole minori le Isole Tremiti occupano il 23° posto con 2 vele.

“Le località premiate a Expo – ha dichiarato il Responsabile Turismo di Legambiente Angelo Gentili – rappresentano l’eccellenza italiana nel senso più alto del termine. Per questo abbiamo voluto portarle all’esposizione universale: perché simboleggiano il meglio dell’offerta turistica, della cura dei centri storici e dell’offerta enogastonomica. Le località delle 5 vele, infatti, non hanno solo la fortuna di custodire un paesaggio straordinario, ma sono anche laboratori di sviluppo, centri di innovazione tecnologica, che praticano esperienze virtuose in tema di rifiuti, energia rinnovabile, agricoltura biologica e valorizzazione corretta dei beni architettonici e culturali”.

“Anche quest’edizione – ha dichiarato Franco Iseppi, Presidente del Touring – conferma e rafforza le motivazioni che l’hanno resa affidabile in questi ultimi anni. Attenta alla eco sostenibilità, alla conservazione dell’ambiente, a valorizzare le buone pratiche sul territorio lungo le nostre coste. Ma quello che mi preme sottolineare è che questa guida, risultato di un eccellente lavoro di Legambiente e che ha visto il Touring Club soprattutto nella parte di editore sia pure complice, è in realtà il frutto di una collaborazione, il risultato positivo di una cooperazione tra associazioni ambientaliste, il segno dei nostri tempi quando diventa sempre più importante e incisiva l’azione di gruppi, club, associazioni che, senza aspettare l’intervento della mano pubblica o interventi dall’esterno, si organizzano, si strutturano, si danno un obiettivo e pur nella loro diversa identità lo perseguono e finiscono con l’ottenere un risultato. Come appunto questa guida”.

3 commenti

  1. Maria Angela

    non importa quante vele. rodi è sempre rodi

  2. MICHELE PANELLA

    RODI E’ LA PERLA DEL GARGANO CHE TUTTI CI INVIDIANO..!!!!!

  3. MICHELE PANELLA

    BRAVA MARIA VELE E NON VELE..!!!!!….RODI E’ SEMPRE RODI..!!!!!!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici