Peschici: «Senza una navetta non si può fare turismo»

peschiciGli albergatori della cittadina del Gargano a picco sul mare chiedono all’amministrazione comunale di Peschici l’attivazione del servizio più volte promesso e finora garantito a spese degli stessi operatori turistici

Matteo D’Amato, uno dei più importanti operatori del settore tuona contro la mancanza del servizio: “Versiamo annualmente al comune le somme della tassa di soggiorno, l’amministrazione comunale ci ha promesso già dallo scorso anno l’attivazione di un bus navetta, ma anche quest’estate nulla. Siamo costretti noi albergatori ad accompagnare in paese i turisti. Stesso problema si presenta a chi da Peschici non sa come raggiungere il mare. Il servizio di bus navetta da e per le spiagge del nostro litorale è essenziale anche per decongestionare il traffico e ridurre l’impatto ambientale. Speriamo che i nostri amministratori si rendano conto del disservizio e provvedano quanto prima ad istituire la linea bus come da tempo funziona nei comuni limitrofi”.

“Senza un bus navetta in grado di collegare il centro cittadino di Peschici con la marina e viceversa – continua D’Amato in una nota riportata da una testata giornalistica locale – non si può fare turismo. Rischiamo seriamente che la gente se ne va a Vieste o a Rodi Garganico”.

9 commenti

  1. Fiorella Pipoli

    In compenso, su quelle curve, la notte ci fanno i rallies che impediscono alla gente di dormire. Almeno così fu per me quando venni in vacanza.

  2. Carmine d

    Marco elimina il post perchè se i turisti andranno via sarà colpa tua e mia!

  3. Michele Placentino

    spettacolare la chiosa finale “…..rischiamo seriamente che la gente se ne va a Rodi o a Vieste “. Questo la dice lunga sul sistema Gargano. Mica ci si preoccupa che i turisti se ne vadano in altre nazioni, in altre regioni…ci si preoccupa che se ne vadano nei comuni limitrofi. Mah…Intanto io comincerei a mettere in sicurezza, illuminare e valorizzare le scalinate che dal paese scendono al mare, suggestive in discesa, un pò faticose in salita, certo, ma ne vale la pena.

  4. Michele Placentino

    poi mi chiedo se sia mai stato fatto uno studio sulla possibilità di installare scale mobili dalla marina al centro storico…oppure una funicolare.

  5. Paolo Morcavallo

    Non so se abbiano mai fatto uno studio, ma il problema, oltre alle ingenti somme che ci vorrebbero per una funivia (che come idea a me non dispiacerebbe affatto) e’ l’impatto ambientale che una simile opera avrebbe su uno dei panorami più belli non solo della Puglia, ma d’Italia e del mondo. Anche se, con un po’ d’impegno e di creatività, una soluzione per collegare la marina al paese credo che si possa e si debba trovare. Si potrebbe ad es. indire una gara d’appalto x una funicolare che possa essere disegnata e progettata in modo da integrarsi alle bellezze paesaggistiche che ci sono. Ma rimane cmq il fatto che occorre trovare i fondi. Non e’ una soluzione immediata, quella della funicolare, ma potrebbe, se ben realizzata, fungere anche da ulteriore attrattiva. Nel frattempo il comune però potrebbe anche provvedere con un servizio di navetta pubblico.

  6. Michele Placentino

    Paolo sono convinto che ci siano in giro architetti in grado di progettare soluzioni a basso impatto paesaggistico…sicuramente molto meno impattanti di quegli scheletri in cementoo che mi pare ancora ci siano su quella collina. Io personalmente ci vedrei bene anche un servizio di trasporto a dorso di muli, ecologico e caratteristico…ma po magari avrebbero da ridire gli animalisti :-)

  7. Paolo Morcavallo

    E’ ovvio che quella degli asini e dei muli è una battuta o comunque più un’idea ad uso pubblicitario che funzionale. Cmq anche io credo che ci siano architetti in grado di pensare a qualcosa che possa essere compatibile se non addirittura valorizzare il paesaggio. Ci vorrebbe pero’ una classe politica in grado di assumersi la responsabilità e gli oneri di un’opera simile. Forse con un po’ di stimolo e pressioni da parte degli operatori turistici e dei turisti stessi potrebbe essere più semplice.

  8. Laura Delle Fave

    a Rodi c’è la navetta ma solo mezza giornata e niente la domenica

  9. Coop Mdl

    Fintanto che a Rodi la navetta è stata gestita dalla nostra cooperativa il servizio funzionava tutti i giorni (festivi inclusi) dalle 8 alle 14 e dalle 17 alle 23, con ulteriore prolungamento orario in caso di eventi e manifestazioni di particolare interesse. Quest’anno però il comune di Rodi Garganico ha inteso organizzare e gestire in proprio il servizio con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici