Peschici: demolito chiosco bar collocato sulla spiaggia di Zaiana

baia Zaiana PeschiciIl Comune di Pe­schici ha ordinato la demolizione di un chiosco-bar sulla spiaggia ­di Zaiana. Lo denuncia l’avvocato Giuseppe Falcone, il quale si sta interessando della vicenda per conto del suo cliente, titolare del­la concessione del lido Zaiana.

«Il Comune di Peschici a seguito del mio intervento – scrive Falcone – ha subito annullato il permesso di costruire e ordinato la demo­lizione del chiosco». «Mancano i pareri – aggiunge ancora il legale peschiciano – ed i nulla osta re­lativi al vincolo idrogeologico, quelli di cui al sito di interesse comunitario (SIC). L’area inoltre è ricompresa nella perimetrazio­ne del Parco Nazionale del Gar­gano.» «Ma ciò che riveste mag­giore gravità – aggiunge ancora l’avvocato Falcone – è l’assenza del titolo di proprietà da parte di chi ha costruito sull’area, su cui insiste il chiosco-bar demolito». Falcone spiega – dal suo punto di vista- il perché: «l’intera area è del Comune di Peschici, anche se catastalmente risulta intestata ad una signora austriaca. Ora ci auguriamo che il Comune adotti quanto prima i provvedimenti di legge per tutelare i beni di pro­prietà comunale e si riappropri quanto prima anche del titolo ca­tastale. Infine vorrei richiamare l’attenzione delle autorità prepo­ste e delle associazioni ambien­taliste su quanto sta accadendo a Zaiana (nota spiaggia del litorale garganico di Peschici ndr). Lo sa­pete che non hanno nemmeno l’autorizzazione allo scarico e pertanto tutti i reflui finiscono in mare? E questi sarebbero i pa­ladini della legalità?».

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno

7 commenti

  1. Antonio Riccardo Princigallo

    Diciamo che a Peschici si demolisce solo agli austriaci…in ogni angolo del paese impera l’abusivismo

  2. Tonino Primavera

    L’AVV.FALCONE E IL COMUNE DI PESCHICI DOVREBBE ESSERE ALTRETTANTO SOLERTI PER TUTTE LE ALTRE STRUTTURE ABUSIVE SPARSE PER TUTTO IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PESCHICI. SI VADA A CONTROLLARE CHI È IN POSSESSO DEI REQUISITI PREVISTI DALLA LEGGE . CREDO CHE IL 70/80 % SIANO ABUSIVIVE. DI QUESTO NE L AVV. NE I MEDIA NE GLI AMMINISTRATORI SI INTERESSANO. CREDO CHE LA RISPOSTA NON ARRIVERA’ MAI VISTO CHE SOLO QUEI SIGNORI AUSTRIACI NON HANNO SANTI IN PARADISO E SOPRATTUTTO NON SONO DEL POSTO. VIVA IL GARGANO .CONTINUAMO A PESCHICIZZARE IL TERRITORIO.

  3. Maria Mattea Losito

    Ma questo( giornale ) xké su rodi non dice cose belle come le dice di Peschici? Nel vostro mare i turisti escono irritati e con il prurito! Ecco questa è una notizia vera che dovete diffondere!!!

  4. Pierfrancesco Pier Di Stolfo

    Ci sarebbero altre cose da demolire ! Ben più oscene e grandi !

  5. Nicola Vecera

    Veramente a peschici ci sono stati molti abbattimenti questo è l’ ultimo. Quindi se non sei informato fai silenzio fai più bella figura.

  6. leggendo i vari commenti devo dire con tutto l’orgoglio di essere rodiano che a differenza di Peschici qui l’amministrazione comunale è riuscita in due anni a demolire un intero paese. Altro che una baracca, e speriamo che sia finita qui, altrimenti saremo costretti a emigrare in qualsiasi altro paese africano, almeno pareggeremmo il conto con i migranti che vengono in Italia. Cari amici che venite dall’Africa, non venite mai a Rodi perchè potreste essere demoliti anche voi.

  7. Lucrezia Afferrante

    Complimenti:a San Menaio queste cose non succedono

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici