L’Abbazia di Kàlena deve tornare alla collettività di Peschici

abbazia-calena“Kalena non deve morire”, l’urlo di dolore dell’abbazia di Peschici sbarca sulla rete con una petizione online, change.org che fa registrare 1158 sottoscrizioni. Tra le quali spicca anche la firma di uno degli eredi Martucci e di sua moglie Pina Cutolo.

Otto sono i destinatari della petizione: la presidenza del Consiglio dei Ministri, quindi Matteo Renzi; la segreteria del del governatore pugliese Michele Emiliano; la soprintendenza dei Beni storici, artistici ed etno-antropologici della Puglia; l’Assessorato al bilancio regionale retto da Raffaele Piemontese; il sindaco di peschici Francesco Tavaglione; il Ministero dei Beni culturali; la direzione dei beni culturali e paesaggistici della regione Puglia e la Soprintendenza ai beni architettonici e paesaggistici.

Da anni, uno dei monumenti simbolo del Gargano -l’abbazia di Santa Maria di Kàlena, in agro di Peschici – è sotto attacco degli agenti atmosferici. Mentre intorno il silenzio è assordante. Tutela disattesa dai proprietari che usano Kalena come deposito di macchine agricole e da chi da chi è preposto istituzionalmente a vigilare sul monumento, in primis la soprintendenza regionale. L’abbazia e le due chiese, un tempo luogo di culto di grande interesse storico-culturale, testimonianze irripetibili dello “spirito dei luoghi”, oggi versano in uno stato di indicibile abbandono, I tetti, ormai inesistenti, mettono in evidenza capitelli e affreschi che l’intemperie e l’umidità stanno cancellando lentamente, parti preziose in irreversibile disfacimento. Tant’è che anche nella serie TV in onda su Rai Uno Kalena è stata utilizzata per far pascolare pecore.

L’imbarazzante quanto drammatica situazione in cui versa l’abbazia ha superato i confini nazionali: «Kalena non deve morire perché è un importante marchio di cultura europea. Perchè è bellissima» è il commento di Veronika Pelikan da Wien, Austria.

In oltre mille gridano allo scandalo.

Fonte: l’Attacco

1 Commento

  1. Silvana Silva

    Continuo a dire che è una proprietà privata e che una soluzione va trovata con i proprietari. .. lo Stato svenderebbe a stranieri. .. a Roma la zecca di Stato dove lo Stato coniava le lire è stata data a una società cinese quotata a Hong Kong con sede alle Cayman e lo stanno facendo diventare un hotel centro congressi dove noi Italiani faremo i camerieri e chi ci guadagna sono stranieri che pagano le tasse altrove nonnina Italia. Se volete questo continuate così, battetevi per espropriare e dare Calena allo Stato e un giorno ciascuno si assumerà le conseguenze del proprio agire….anche con azioni di risarcimento.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici