Il turismo di San Giovanni Rotondo vola con idrovolanti

idrovolanteDue importanti centri del turismo religioso, il Santuario di Loreto nelle Marche e Padre Pio a San Giovanni Rotondo, saranno collegati con la Croazia attraverso una linea aerea costituita da una flotta di idrovolanti, aerei in grado di decollare e atterrare sia da terra che in specchi d’acqua.

Una delegazione di opertori turistici di San Giovanni Rotondo ha partecipato al volo inaugurale sulla pista dell’Aeroporto “Raffaello Sanzio” di Falconara – Ancona, che ha unito idealmente, spiritualmente e materialmente le due sponde dell’Adriatico. Il collegamento aereo con le città di Spalato e Rjieka è effettuato dalla Compagnia Area European Coastal Airlines, quattro giorni alla settimana per tutto l’anno, con idrovolanti Twin Otter 300/6. Costo promozionale del biglietto 29,00 euro. Questo collegamento aereo, effettuato con aeromobili anfibi, riapre prepotentemente il dibattito sul trasporto aereo che vede il turismo garganico fortemente penalizzato e il riutilizzo dell’idroscalo San Nicola Imbuti sul lago di Varano.

Anche in Puglia è in corso da tempo una sperimentazione di collegamenti con idrovolanti dall’Aeroporto di Brindisi. Un comunicato della Regione Puglia, in data 6 novembre 2012, annunciava una iniziativa dell’Assessore regionale Guglielmo Minervini: “Sperimentare la possibilità di collegamento mediante idrovolanti fra le aree costiere di Italia, Grecia, Montenegro, Croazia, Albania, paesi molto vicini in termini chilometrici ma molto distanti in termini di connessioni, è l’obiettivo del progetto ADRI-SEAPLANES, già in fase avanzata. L’assessore regionale alla mobilità Guglielmo Minervini interverrà nella sala della V commissione, 6° piano sede del Consiglio Regionale, all’incontro dell’Adriseaplanes Steering Committee, organo decisionale di tutti i partner. Il progetto, finanziato nell’ambito del programma comunitario di Cooperazione transfrontaliera Cbc Ipa Adriatico, si compone di un partenariato di eccezione costituito da Regione Puglia, Autorità portuale di Brindisi, Enac, Ministero dei trasporti del Montenegro, Porto di Pula (Croazia), Prefettura di Corfù (Grecia), porto di Bar (Montenegro) e porto di Valona (Albania). Seaplanes, prevede che dopo gli studi di fattibilità sia attivata una linea di volo di progetto con un idrovolante da 19 passeggeri”. Questo lo stato dei fatti ad oggi.

Il Gargano, con tutta la sua comunità economica e politica, deve pretendere di partecipare attivamente a tutte le fasi del progetto, portando in dote le serie e immediate potenzialità costituite dal lago di Varano, sottolineando che, per l’uso dello specchio d’acqua, non occorrono grandi finanziamenti. Una panchina in legno di 50 metri, una manica a vento, la radioassistenza assicurata dagli impianti ENAV di Vieste, bastano e avanzano per avviare un percorso ricco di sorprese positive. Gli idrovolanti, che decollano dall’Aeroporto di Falconara e planano dolcemente sulle acque della Croazia, insegnano che le cose si fanno facendole.

Michele Angelicchio

3 commenti

  1. Santa Picazio

    Bene. Vedo che le mie idee sono realizzabili!
    Quando da San Nicola, allora?

  2. Emilio Pagano

    Qualcuno mi ha letto nel pensiero…

  3. antonio gagliardi

    Le invio le dovute precisazione affinche’
    le Vostre notizie,a noi molto gradite,siano le piu’ precise possibili,

    il mio nome e’ Antonio Gagliardi ,imprenditore nel settore dell’estetica,mentre il socio di questa avventura
    e’ il sig. Massimiliano Pitacco, editore e giornalista, entrambi di San Giovanni Rotondo.

    Non siamo assolutamente “operatori turistici”,ma semplici cittadini e contribuenti.
    Stanchi di vederci passare sulla testa tanti aerei e,per ovvi problemi di lungaggini politicizzate e altro,
    nessuno atterra sul nostro fantastico Gargano.
    Abbiamo iniziato questa avventura e con MEZZI PROPRI e dopo molto tempo di duro lavoro,finalmente
    abbiamo aperto uno spiraglio che da anni sembrava inesistente,con l’incontro del Capitano Klaus Martin
    CEO della European Coastal Airlines avvenuto all’aeroporto di Falconara Marittima l’11 novembre,
    abbiamo stretto un accordo per aprire un tavolo organizzativo assieme a tutti i rappresentanti ed isitituzioni,
    per aprire delle nuove basi sul Gargano.

    Il nostro obbiettivo e’ quello di riempire il piu’ possibile di idroscali la nostra terra e dare la possibilita’ anche alla European Coastal Airlines
    che ha accettato il nostro invito ufficiale ad intervenire,come base principale su San Giovanni Rotondo,al centro del Gargano.
    Ribadiamo che tutto questo DEVE accadere e potra’ accadere soltanto senza l’aiuto della politica che ha dimostrato in questi anni di sprecare
    danaro e tempo inutilmente…come gli “esperimenti di Brindisi” che ha scritto nei suoi articoli.
    PER NOI LA POLITICA DEVE ESSERE AL SERVIZIO DEL CITTADINO ed in questo progetto fara’ il suo DOVERE…

    Noi siamo REALTA’ ed a breve avremo basi nel nostro amato Gargano che speriamo almeno questa
    volta sara’ unito per il benessere del nostro popolo e per la prosperita’ della sua economia.

    certi di una Sua cordiale collaborazione,

    buon lavoro,

    Antonio Gagliardi –

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici