Scuola, Giunta regioanle approva riparto finanziamento libri di testo

alunni-scuolaLa Giunta Regionale ha approvato ieri – su proposta dell’Assessore alla Formazione e al Lavoro Sebastiano Leo – il piano di riparto, a favore del Comuni, del finanziamento statale per la fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo.

Secondo la legge i Comuni “provvedono a garantire la gratuità, totale o parziale, dei libri di testo in favore degli alunni che adempiono l’obbligo scolastico in possesso dei requisiti richiesti, nonché alla fornitura dei libri di testo da dare anche in comodato agli studenti della scuola secondaria superiore in possesso dei requisiti richiesti” (per la Puglia, l’ attestazione Isee non superiore a 10.632,94 euro). Il finanziamento statale che, diversamente da quanto affermato da alcuni studenti sui media, non rientra fra quelli vincolati dal Patto di stabilità , per l’anno scolastico 2015-2016 ammonta a 8.581.401 euro (6.320.624 euro per gli alunni di scuola secondaria di 1° grado e di 1° e 2° anno di corso di scuola secondaria di 2° grado e 2.260.777 euro per gli alunni di 3°, 4° e 5° anno di corso di scuola secondaria di 2° grado).

“Spetta ai Comuni destinatari delle somme – afferma l’Assessore Leo – valutare l’opportunità di assicurare la fornitura di libri di testo anche o esclusivamente in comodato d’uso. In Puglia, purtroppo, quest’indirizzo è stato finora raccolto da pochissimi Comuni , solo 5 su 258”. La Regione, peraltro, nell’ambito del piano di riparto ai Comuni dei fondi per gli interventi per il Diritto allo Studio di cui alla L.R. 31/09 (mensa, trasporti scolastici, ecc.), stanzia sul proprio bilancio ulteriori somme per eventuali integrazioni dei fondi statali per la fornitura dei libri di testo, anche in comodato (che, al momento, pochissimi Comuni attivano). Solo questi ultimi fondi regionali, aggiuntivi rispetto a quelli statali, impattano con i vincoli del patto di stabilità. La Regione ha sempre considerato il Diritto allo Studio una priorità assoluta: tant’è che, pur nella ristrettezza di disponibilità, non ha mai trascurato di assicurare alla popolazione scolastica pugliese l’erogazione dei servizi scolastici essenziali.

“L’impegno – assicura l’Assessore – continuerà anche nei prossimi anni e, nello specifico, magari sensibilizzando ulteriormente i Comuni a privilegiare, in collaborazione con le Istituzioni scolastiche, lo strumento del “comodato”, in grado di aumentare l’efficacia dell’intervento anche in considerazione delle progressive riduzioni dei trasferimenti statali”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici