Peschici, l’ex sindaco replica alla «Gazzetta»

domenico-vecera-peschiciCaro Direttore,

leggendo la Gazzetta del Mezzogiorno del 5 marzo scorso sono rimasto colpito dal titolo dell’articolo “l’ex Sindaco sarà processato per …”, sembrava essere l’ennesimo rinvio a giudizio ricevuto durante il periodo in cui ho svolto le funzioni di Sindaco nel Comune di Pescihci. In realtà era solo uno degli undici procedimenti penali intentati nei miei confronti. Sembra uno scherzo ma è proprio così, mi sono difeso e mi difenderò in 11 procedimenti penali a vario titolo. Per me è molto strano considerato che la massima “sanzione” ricevuta prima che diventassi Sindaco sono state alcune bacchettate (per la verità poche) ricevute dalla mia maestra dell’Elementari.

Leggere, anche nell’articolo citato, di associazione a delinquere, spartizione di appalti, corruzione e truffa ai danni del Comune per chi, come lo scrivente, ha svolto la “missione” del Sindaco con onestà, nell’interesse della gente specialmente quella in difficoltà e combattendo le irregolarità e le ingiustizie come quelle che riguardano la vendita degli immobili richiamata nell’artico citato di F. Trotta, fa male.

Io credo molto nella giustizia ed attendo con serenità il giusto verdetto, come è già avvenuto in cinque degli undici procedimenti in atto nei miei confronti; infatti, cinque di questi sono giunti a conclusione e tutti con piena assoluzione.

Non vorrei entrare nel merito della vicenda relativa alla vendita dei beni comunali, occorre, tuttavia, evidenziare che detta operazione ha portato nelle casse comunali oltre € 900.000,00 per immobili di cui il Comune non ha mai avuto il possesso e che non ha mai incassato un centesimo per decenni ed ancora abusivamente occupati. Voi tutti dovete sapere che il Comune non solo non ha incassato nulla, ma ha speso altresì centinaia di milioni per spese legali a difesa dei propri diritti in merito alla proprietà dei beni stessi. Mai nessuno si è preoccupato di questo problema e mai nessuno si è prodigato a far pagare il giusto prezzo per l’utilizzo dei beni comunali. Sono certo che dal processo emergerà tutta la verità relativa a questa vendita e, soprattutto, le responsabilità di quei soggetti che non hanno fatto e continuano a non fare il proprio dovere.

Il processo che mi riguarda, nonostante le due richieste di archiviazione presentate dal PM, chiarirà spero presto, che non vi sono mie responsabilità nè quelle dell’arch. Delli Muti (responsabile del Settore tecnico del Comune all’epoca dei fatti) con me indagato.

Attendo come sempre con serenità questo momento.

Dott. Domenico Vecera

1 Commento

  1. Michele Panella

    IL GRANDE MIMMONE..!!!!!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici