Puglia, nuovo rinvio dell’ecotassa

rifiuti-bidoniApprovata a maggioranza dal consiglio regionale (37 voti a favore, 4 contrari e 2 astenuti) la proposta di legge bipartisan di Filippo Caracciolo (Pd), Domi Lanzilotta (Ncd) e Franco Pastore (Misto-Psi), che proroga l’introduzione dell’ecotassa in Puglia.

Per il conferimento in discarica dei rifiuti, i Comuni potranno applicare l’aliquota 2013 in presenza di due condizioni: che abbiano conseguito a giugno 2015 un incremento nella raccolta differenziata del 5% in più rispetto al dato di novembre 2014; che abbiano attivato le «buone pratiche» previste nel Piano regionale dei rifiuti (ad esempio, riduzione della produzione di bottiglie di plastica attraverso l’installazione di distributori di acqua pubblica).

Inoltre i Comuni che dimostrano di aver conseguito l’obiettivo della raccolta differenziata nella misura del 65%, potranno applicare la tariffa di 5,17 euro per tonnellata. In relazione al 2014, per i comuni che non hanno raggiunto un incremento del 5% nella raccolta differenziata a giugno 2014 o del 6% a novembre dello stesso anno, è confermata l’aliquota 2013 a condizione che riescano a raggiungere entro giugno un incremento del 7% in più rispetto al periodo settembre 2012- agosto 2013 e abbiano anche attivato le buone pratiche. In questo caso, eviteranno di dover pagare circa i 25,82 euro a tonnellata previsti sul 2013 e i circa 15 euro sul 2014. È un «provvedimento ingiusto, ma ho votato a favore perché non è colpa dei cittadini se il ciclo dei rifiuti in Puglia non è stato chiuso» dice Sergio Blasi (Pd). Ma dall’area vendoliana protestano. «L’impressione è che parte della maggioranza – attacca Michele Losappio (Sel) – abbia ceduto alle esigenze dei “portatori di interesse” smarcandosi e a volte rivendicando apertamente la lontananza dal meglio della legislazione di questi 10 anni». «È una scelta di buon senso» ribatte il capogruppo Udc Salvatore Negro. Da Forza Italia, invece, il capogruppo di FI Ignazio Zullo chiarisce che «non poteva andare diversamente, visto che ci battiamo da 10 anni per la riduzione delle tasse regionali». Dura Legambiente: «Assistiamo all’ennesima decisione che beffa i Comuni ricicloni».

1 Commento

  1. Carmine d

    Così non si aiuta la Puglia! Ma stranamente chi distrugge è osannato e chi opera per il bene e nella legalità viene avversato!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici