Turismo, nuove disposizioni regionali

bed-and-breakfastCon tre voti contrari e due astenuti, il Consiglio regionale della Puglia ha approvato a maggioranza un disegno di legge presentato dall’assessore Silvia Godelli, con il quale si recepiscono disposizioni varie in materia di turismo. «Si tratta di modifiche ed integrazioni a tre leggi esistenti in materia di turismo», è spiegato nella relazione di accompagnamento del presidente della IV Commissione, Orazio Schiavone. In particolare: la legge regionale di trasferimento alle province della competenza amministrativa in materia di esercizio dell’attività di agenzia di viaggio e turismo; la legge che disciplina i Bed and Breakfast (B&B); la disciplina delle attività turistiche ad uso pubblico gestite in regime di concessione e delle associazioni senza scopo di lucro.

Fra le modifiche da segnalare vi è l’introduzione della Scia (segnalazione certificata inizio attività) che sostituisce l’autorizzazione per l’apertura delle agenzie di viaggio e turismo rilasciata dalle province. Viene evidenziata anche l’assoluta competenza esclusiva delle stesse agenzie in merito a determinate attività, anche a tutela del cliente-consumatore. Un’altra modifica significativa riguarda i B&B. Nella legge in vigore che regola questa tipologia di strutture ricettive sono previsti degli standard relativi alla superficie delle camere. Con questa modifica si esonerano da queste regole quelle strutture situate nei centri storici che hanno configurazioni particolari e soprattutto quelle strutture ricettive che sono riconducibili alla identità del territorio (i Trulli per esempio). L’attività extralberghiera di affittacamere deve essere fornita in forma professionale e continuativa e può essere svolta con un profilo complementare all’esercizio del ristoro.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici