Banco Napoli: «il turismo in Puglia vale 3 miliardi»

Isole-Tremitidi Carmen Carbonara

Il turismo pugliese è un bu­siness da oltre tre miliardi di euro. E nel 2013, la Puglia è stata anche al primo posto in Italia come destinazione per le vacanze lunghe. È quanto emer­ge dal report di Srm (Studi e ricerche per il Mezzogiorno) Banco di Napoli, presentato ieri a Fasano – il regno delle masserie d’élite che tanto piac­ciono ai turisti stranieri – nell’ambi­to del terzo incontro con l’imprendi­toria pugliese promosso dal Banco di Napoli.

Questa volta l’incontro è sta­to dedicato a «turismo, agricoltura e cultura, driver per lo sviluppo della Puglia». Secondo il report, la Puglia è una regione in cui, nel 2013, si sono contati 3,2 milioni di turisti (pari al 17,9% del Mezzogiorno e al 3,1% dell’Italia) per un totale di 13,3 milio­ni di presenze (cioè 17,8% del Mezzogiorno e il 3,5% di tutto il Paese). Il condizionamento della crisi si è fatto sicuramente sentire, come dimostra il calo dell’1,6% delle presenze nel 2012 rispetto all’anno precedente, in linea con la riduzione della domanda nazionale (meno 3%). Parallelamen­te, però, è cresciuta la domanda internazionale: le presenze sono aumenta­te del 5% e, in particolare, gli stranieri in Puglia hanno speso 616 milioni di euro (pari al 14,9% del Mezzogiorno e all’1,9% dell’Italia), cioè il 6% in più rispetto al 2012.

Nonostante la crescita della do­manda straniera, il turismo pugliese si conferma comunque a prevalenza domestico: la quota di presenze este­re è solo del 17,2%, mentre in Italia è del 47,4%. La clientela è, poi, soprat­tutto di prossimità: il 37,6% delle presenze è rappresentato da turisti meridionali, di cui 16,5% pugliesi. Tra le mete scelte per le vacanze lunghe, nel 2013 la Puglia, però, ha conquistato il primo posto (con 1’11,8% di presen­ze).

Nel 2012, invece, si contavano più di mille alberghi (esattamente 1.011), cioè il 14,7% di quelli attivi al Sud e il 3% di quelli di tutta Italia Gli alberghi rappresentano, però, solo il 21 % delle strutture ricettive presenti in Puglia per un totale di 94.670 posti letto (il 15,2% del Mezzogiorno e il 4,2% dell’Italia). Non a caso, la Puglia è la prima regione meridionale per concentrazione di presenze nelle strutture complementari (il 39,2%) e la sesta in Italia. Peraltro, il turismo ha anche un ruolo importante nell’oc­cupazione regionale. In particolare, nel settore alberghiero e della ristorazione lavorano 52.500 persone, pari al 4,1 % degli occupati della regione. Il turismo – secondo l’analisi effettua­ta dal Banco di Napoli – è, del resto, un settore trasversale, in grado di atti­vare direttamente ed indirettamente ricchezza sul territorio.

In Puglia, l’in­cidenza diretta in termini di Pil, sul totale, è inferiore rispetto alla media meridionale e nazionale: il 5% contro il 5,4% del Sud e il 6% dell’Italia. Ma il valore aggiunto turistico è di 3,065 miliardi di euro e pesa il 17,6% sul va­lore aggiunto turistico meridionale (che è 17,453 miliardi) e il 3,7% su quello nazionale (82,833 miliardi). Passando all’analisi nel lungo perio­do, tra il 2008 e il 2012 le presenze in Puglia sono aumentate del 2,2% l’an­no, -a fronte del più 1,5% dell’Italia e del meno 0,3% del Sud. Meglio della Puglia ha fatto solo la Lombardia con il 4,2%.

A pesare sul risultato comples­sivo sono stati, sicuramente, diversi fattori di eccellenza. Tra questi, la qua­lità del mare e delle spiagge, un am­biente ancora poco contaminato, un sistema portuale efficiente (in partico­lare per lo scalo delle navi da crocie­ra), la buona predisposizione di resi­denti e operatori verso i turisti, le tra­dizioni popolari e gli eventi, la con­centrazione di città d’arte, siti archeo­logici e religiosi, l’enogastronomia e anche il turismo d’affari, in particola­re quello legato alla Fiera del Levante e a numerosi eventi fieristici distribui­ti in un po’ tutto il territorio.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici