Omicidio in mare, arrestato cognato della vittima

fucile-omicidio-viesteI Carabinieri della Compagnia di Vico del Gargano hanno arrestato Bramante Riccardo, 37 anni di Vieste, poiché gravemente indiziato di aver ucciso con un fucile da caccia Di Mauro Antonio, 39 anni di Vieste, e di averne occultato il cadavere, gettandolo in mare aperto. Poco dopo le 10 di ieri mattina un giovane pescatore si presentava presso la Tenenza di Vieste e raccontava ai Carabinieri di essere stato testimone di un omicidio. Il giovane, impaurito ed in forte stato di agitazione, riferiva che qualche ora prima, mentre si trovava a pesca al largo di Vieste insieme all’amico Di Mauro Antonio, si avvicinava a loro un’altra imbarcazione con a bordo un uomo conosciuto per Bramante Riccardo che, dopo avergli chiesto informazioni sulle sue reti, si allontanava, ritornando dopo circa mezz’ora.

La seconda volta l’uomo si accostava alla loro imbarcazione, legava con una corda le due barche ed impugnava un fucile da caccia nascosto nella barca e, dopo aver intimato al testimone di abbassarsi, esplodeva un colpo che attingeva Antonio Di Mauro al torace. Quest’ultimo cadeva esanime sul fondo della barca. A questo punto Bramante gli ordinava di gettare in mare il cadavere ed al suo rifiuto, Bramante saliva sulla sua imbarcazione e buttava lui stesso in mare il corpo di Di Mauro, poi allontanandosi.

Ricevuta la denuncia dell’accaduto, i Carabinieri si mettevano innanzitutto alla ricerca di Bramante, che veniva trovato poco dopo in un bar del centro di Vieste. Contestualmente iniziavano le attività d’indagine per riscontrare la veridicità del racconto e quindi le ricerche in mare del corpo di Di Mauro, che dai primi accertamenti non risultava effettivamente che avesse fatto rientro dalla pesca. I Carabinieri procedevano ad un’ispezione dell’imbarcazione del pescatore ucciso e trovavano ben visibile una pozza di liquido che le analisi speditive effettuate dalla sezione investigazioni scientifiche riscontravano essere sangue, mentre celato nelle reti da pesca dell’imbarcazione di Bramante era occultato il fucile da caccia calibro 12, le cui caratteristiche estetiche corrispondevano a quelle descritte dal testimone dell’omicidio in merito all’arma utilizzata da Bramante.

Ulteriori testimonianze riscontravano le circostanze di tempo e di luogo in cui si consumava il reato, confermando l’attendibilità della denuncia.

Bramante Riccardo veniva, pertanto, dichiarato in stato di arresto ed associato in carcere a Foggia. Interrogato dal Pubblico Ministero si è avvalso della facoltà di non rispondere. Continuano le indagini per chiarire il movente dell’omicidio e le ricerche per recuperare il cadavere.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici