Fatture gonfiate: condannati funzionario Asl Fg e presidente di cooperativa

asl-fgGonfiavano le fatture fino a 10 volte il prezzo del servizio offerto o ne emettevano di robuste senza mai averne eseguito le relative prestazioni. Per truffa al sistema sanitario nazionale il Tribunale di Foggia ha condannato rispettivamente a 4 e 3 anni di reclusione Francesco Orlando, 57 anni, funzionario dell’Asl di Foggia in servizio a San Severo, ed Amelia Pugliese, 53, presidente della cooperativa New Eureka operante nell’ambito del servizio di 118 per conto dell’Asl. Entrambi sono stati anche interdetti dai pubblici uffici per 5 anni e condannati al rimborso del danno provocato all’erario (oltre 40mila euro).

Si conclude così il processo in primo grado di una vicenda iniziata nell’agosto del 2011 quando la guardia di finanza, al termine di una indagine avviata nel 2009, su richiesta del sostituto procuratore Anna Landi accolta dal gip Antonio Diella, arrestò i due soci paventando gravi irregolarità nelle procedure di rimborso per le spese sostenute per il servizio di emergenza-urgenza prima e, dopo il passaggio del 118 alla Sanitaservice, per il trasporto dei dializzati in centri specializzati.

Le fatture dell’Eureka, poi denominata New Eureka, erano – secondo i militari- palesemente gonfiate o si riferivano a prestazioni addirittura mai eseguite. Cruciale in questo il ruolo di Orlando, all’epoca dei fatti responsabile del settore finanziario a San Severo e quindi addetto alla compilazione dei mandati di pagamento per la New Eureka, di cui si è poi scoperto era anche socio. Con la complicità della donna, aumentava il monte ore della prestazione oppure riciclava vecchie determine dirigenziali aggiungendoci uno zero e predisponendo il pagamento per la fattura. Ed ecco, ad esempio, che, a fronte di un’autorizzazione di spesa pari a 2500 euro, già rimborsata dall’ASL, la New Eureka ripresentava ulteriore fattura gonfiata questa volta sino a 25mila euro. Sei in tutto i casi contestati per una frode di oltre 40mila euro.

Al termine della fase dibattimentale iniziata nel 2012, il Tribunale di Foggia ha accolto, aumentandola, la richiesta formulata dal Sostituto Procuratore condannando Francesco Orlando e Amelia Pugliese, rispettivamente, a quattro e tre anni di reclusione con la penna accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici per anni 5, al risarcimento del danno causato all’Ente Pubblico oltre al rimborso delle spese legali. I reati addebitati sono la truffa ai danni dell’ASL ed il falso ideologico commesso da pubblico ufficiale.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici