Gargano, si lavora per riaprire le strade. Due ministri nei luoghi dell’alluvione

maltempo_rodi_24Sul Gargano si lavora per tornare alla normalità. Oggi, complice un’altra bella giornata di sole, i volontari della Protezione Civile, Vigili del Fuoco e personale delle amministrazioni comunali hanno continuato i sopralluoghi nelle zone maggiormente colpite dai nubifragi della settimana scorsa. A Peschici e Rodi Garganico i militari dell’Esercito stanno ripulendo dai detriti e dal fango le principali vie d’accesso ai centri abitati, ma si lavora anche per ripristinare la viabilità interna e i canali d’acqua.

Ivan Scalfarotto, ha accompagnato stamane il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti nella visita alle zone colpite dalla terribile alluvione che ha colpito il promontorio garganico. Dopo avere sorvolato in elicottero le zone di Rodi, San Menaio, Peschici, Vieste, Carpino e Vico del Gargano, Scalfarotto e Galletti sono atterrati a San Giovanni Rotondo e da lì hanno proseguito per San Marco in Lamis, dove hanno incontrato il sindaco Angelo Cera, il presidente dell’Ente Parco Nazionale del Gargano Stefano Pecorella e il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola.

Mercoledì mattina sul Gargano arriverà il Ministro dell’Agricoltura Martina che accompagnato dall’assessore regionale Nardoni e dalla parlamentare foggiana Colomba Mongiello, visiterà i campi e le aziende agricole maggiormente colpite dal maltempo.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici