#alluvioneGargano, M5S: «Renzi e Vendola dormono, noi andiamo avanti»

m5sDal suo profilo Facebook il vice Presidente della Camera incalza il Presidente del Consiglio e quello della Regione Puglia.

“È assurdo che l’altro ieri ci sia stato il secondo consiglio dei ministri dopo l’alluvione sul Gargano in Puglia e a quasi un mese dai fatti del 3-6 settembre, il Governo Renzi non abbia preso alcuna decisione per aiutare le comunità e le imprese garganiche danneggiate fortemente dall’evento atmosferico. Sabato 27 settembre siamo stati in Puglia per incontrare i cittadini e scrivere insieme a loro un atto parlamentare che potesse ripristinare, nel più breve tempo possibile, i danni causati dalle piogge di quei giorni.

Oggi a cinque giorni dalla nostra visita ci siamo incontrati per pianificare le prossime mosse in favore delle popolazioni colpite dall’alluvione:

1) Depositeremo alla Camera dei Deputati la mozione scritta insieme ai cittadini. Daniela Donno al Senato lo ha già fatto.

2) Proponiamo di farla votare il prima possibile sia alla Camera che al Senato, chiedendone la sottoscrizione da parte di tutti i parlamentari pugliesi al di là di colori e parti politiche.

3) Nel frattempo stiamo sfruttando tutte le occasioni in commissione e in aula per far votare le proposte raccolte sabato da agricoltori, imprenditori, pescatori e altri cittadini.

Renzi e Vendola dormono. Ma quando parlano cercano alibi per coprire le loro mancanze: da quanto tempo non vengono stanziati fondi ai consorzi di bonifica? Che fine hanno fatto i carteggi che dovevano arrivare a Roma per dichiarare lo stato di emergenza? E perchè dichiarano di voler risarcire solo il pubblico senza aiutare le imprese?

Abbiamo promesso ai cittadini del Gargano che torneremo lì nei prossimi mesi. E vogliamo fare in modo che una gemma delle gemme della Puglia torni a splendere come prima.”

1 Commento

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici