Allerta incendi in Puglia, Nardoni ricorda Peschici: «Non abbassiamo la guardia»

bosco in fiammeSarà presentato giovedì 10 luglio presso il distaccamento aeronautico di Jacotentente, nella Foresta della Umbra, il presidio operativo di Protezione Civile per la campagna AIB 2014. Da luglio a settembre i volontari di Protezione Civile delle Regioni Puglia, del Veneto, del Friuli Venezia Giulia e dell’Emilia Romagna, il Corpo AIB Piemonte e l’Ana-Associazione Nazionale Alpini cooperano per un’attività di monitoraggio e sorveglianza sul territorio del Gargano, al fine di prevenire gli incendi e di tutelare il patrimonio naturale e umano. Gli operatori e i volontari attivi sul Gargano operano in costante contatto con la SOUP (Sala Operativa Unificata Permanente) di Bari.

Nel frattempo l’assessore regionale alle Risorse Agroalimentari, Fabrizio Nardoni, invita operatori, comunità e turisti a mantenere la massima allerta su un fenomeno – quello degli incendi protagonisti in negativo delle estati 2007 a Peschici e 2008 a Cassano Murge – che rischia di compromettere il paesaggio e l’ecosistema pugliese. Massima allerta fino al prossimo 15 settembre.

Nardoni – preoccupato dall’ondata di caldo e dall’afa – rimarca l’importanza dei comportamenti vietati e gli atteggiamenti sconvenienti riportati nel decreto del presidente della Giunta regionale Nichi Vendola. “La normativa è stringente: è assolutamente vietato accendere fuochi, far brillare mine o usare giochi pirotecnici, così come usare apparecchi a fiamma o accendere fornaci o braci. Ci sono divieti anche per l’incivile abitudine di lasciare rifiuti ai bordi delle strade perché spesso il fenomeno di autocombustione di questi reflui ha dato non poche preoccupazioni ai nostri boschi e alle nostre aree arborate”.

Si tratta di cambiare registro e imparare che anche una piccola distrazione umana può rischiare di sfigurare per lungo tempo la bellezza di luoghi meravigliosi come avvenne sette anni fa nel rogo di Peschici in cui persero la vita anche alcune persone. Le cronache di quegli anni, ma anche alcuni recenti episodi registrati in altre zone del territorio regionale, dimostrano come non sia possibile abbassare la guardia di fronte ad un fenomeno che rischia ogni anno di mandare in fumo un patrimonio boschivo e forestale che è parte integrante del paesaggio pugliese” afferma l’assessore – che mobilita la “macchina antincendio” chiamata ogni anno ad operare sul fronte caldo dell’estate. Mi auguro che gli uomini e le donne della Regione Puglia, dell’ARIF, dei Vigili del Fuoco e del Corpo Forestale dello Stato”.

In Capitanata, ad eccezione di qualche focolaio, del rogo che nei giorni scorsi ha distrutto cinquanta ettari da pascolo in località Salvatore, frazione Montagna, o quello sviluppatosi alla periferia di Foggia, la situazione è al momento sotto controllo.

2 commenti

  1. Vincenza Saccia

    Che peccato mi dispiace tanto quando la natura brucia , buonasera a tutti ciao

  2. Vittorio Ognissanti

    Beh, quest’anno sembra andare meglio, ogni tanto mi è capitato di trovare delle vedette accampate su alcune coppe del Gargano, una l’ho svegliata arrivandoci quasi addosso, per colpa sua, stava parcheggiato in mezzo al tratturo 3:)

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici