Regione Puglia contro le trivelle dello «Sblocca Italia»

trivellazioni-offshore-petrolioIl Consiglio Regionale della Puglia ha approvato all’unanimità un ordine del giorno con il quale impegna la Giunta ad intraprendere ogni iniziati­va utile nei confronti del Gover­no nazionale, per le modifiche degli articoli 36. 37e 38 del decreto legge ‘Sblocca Italia’, coe­renti con la tutela costituzionale della legislazione concorren­te in materia energetica e a promuovere ricorso alla Corte Costituzionale in caso di con­versione in legge delle norme stesse, senza modifiche. Con questa iniziativa il Consiglio re­gionale della Puglia invita an­che tutti Consigli regionali “ad approvare nuove proposte di legge alle Camere per vietare la ricerca, prospezione è coltivazione di idrocarburi liquidi in mare”.

“L’impegno della Puglia con­tra le trivelle – ha commentato. il Presidente dell’assemblea Onofrio Introna – continua e prosegue anche la ricerca di una posizione unitaria. condi­visa da tutti i Parlamenti regionali, per una moratoria nazio­nale e comunitaria delle estra­zioni di petrolio nelle acque del Mediterraneo europeo”. È un pronunciamento che rende formale la richiesta già avanzata da Introna nella recente plena­ria a Roma della Conferenza nazionale dei presidenti delle as­semblee legislative. I consiglie­ri pugliesi chiedono, inoltre. ai colleghi di tutta Italia di rinno­vare proposte di legge alle Ca­mere per il divieto della prospezione e coltivazione di idrocarburi liquidi in mare come già fatto da Puglia, Veneto. Abruzzo, Molise nella legislatu­ra parlamentare precedente e dalle Marche in quella attuale.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici