Nel Parco del Gargano torna il lupo

lupoSi è tenuta nei giorni scorsi nella sede dell’Ente Parco Nazionale del Gargano la riunione, convocata dal Presidente Stefano Pecorella, sul tema dei danni che gli allevatori subiscono per la predazione dei loro animali per opera del lupo. Hanno partecipato all’incontro il dr. Urbano, dell’ASL di Foggia – Servizio Veterinario – ed i rappresentanti delle Associazioni di Categoria provinciali della CIA, di CONFAGRICOLTURA, di COLDIRETTI e dell’APA.

L’Ente Parco, oltre ad essere l’unico soggetto ad indennizzare i danni provenienti da lupo, si pone ancor una volta come soggetto promotore di un sistema di governance Più attento agli interessi ed del territorio alle reali necessità della comunità produttiva e sociale. “Viviamo un periodo di crisi e di profondo scollamento tra le istituzioni ed i cittadini è dobbiamo impegnarci per colmare questa distanza con azioni concrete di sostegno e tutela dei loro interessi nel quadro più ampio della tutela e conservazione degli ecosistemi. – Dichiara Pecorella – Questo incontro va nella direzione di far partecipare alle decisioni delle istituzioni i rappresentanti del settore zootecnico, perché si scriva assieme il sistema delle regole che, poi, tutti dovranno rispettare. Ai presenti ho chiesto la massima cooperazione per mettere sul tavolo tutte le criticità di unsettore, che non può più attendere i tempi della burocrazia, e di risolvere quindi in tempi rapidi le questioni che preoccupano gli allevatori garganici. In primis, il Parco s’impegna a velocizzare l’iter delle procedure amministrative, finalizzate alla denuncia e liquidazione del danno, attraverso la semplificazione degli adempimenti richiesti, come ad esempio lo snellimento nella compilazione delle richieste d’indennizzo del danno. Inoltre, sono siamo disponibili ad aumentare le somme in bilancio, a disposizione degli allevatori sia per i danni, da Lupo, che per il costo dell’intervento dei veterinari dell’ASL.

Ma non possiamo pensare solamente di intervenire quando il danno si è oramai prodotto, bisogna lavorare sul fronte della prevenzione, ad esempio proponendo l’acquisto, attraverso il cofinanziamento della spesa, per i cani opportunamente addestrati alla guardia degli ovicaprini. – aggiunge Pecorella – Ho,da tempo, chiesto agli uffici del parco di verificare la possibilità di aggiungere all’indennizzo del danno, già previsto dal regolamento del Parco, una ulteriore forma di intervento economico in favore delle imprese zootecniche e spero a breve si possa definire anche questo importante aspetto. Ma la nostra opera dovrà avere la collaborazione anche dell’ASL , attraverso i suoi veterinari. A questi, il Parco affiancherà il supporto di ulteriori professionalità per accelerare le operazioni di accertamento del danno, non appena esso si verifichi e venga denunciato. Come dicevo – prosegue Pecorella – questo è l’inizio di una nuova stagione di governance del territorio. Devo Ringraziare il dott. Urbano dell’ASL di Foggia per aver dimostrato un impeccabile senso di responsabilità e grande sensibilità nei confronti delle serie problematiche che sta affrontando la categoria.” Il Dott. Urbano ha, infatti, presentato due nuovi veterinari che si occuperanno di certificare i danni nei comuni del Gargano ed ha affrontato con la massima apertura le problematiche discusse durante la riunione. Pur, tuttavia, si è dimostrato inflessibile nel dichiarare che denuncerà ogni atteggiamento di tipo illecito che verificherà durante tutte le operazioni di propria competenza sia per far rispettare la legge ma, soprattutto, per creare le condizioni di favore perché la legalità premi chi lavora onestamente nel settore zootecnico. In conclusione, si è concordato che sarà stilato un protocollo d’intesa per sancire questo nuovo e rinnovato patto tra l’ente parco e le associazioni da una parte e il servizio veterinario dall’altra.

Le associazioni di categoria, su invito del Presidente Pecorella, si impegnano a diffondere, tra gli allevatori, la cultura del rispetto del lupo e ad agevolare comunicazioni veritiere sulla presenza della specie nel Gargano. Inoltre, ad attuare pratiche di allevamento che mettano a minor rischio i propri animali ed in questo modo consentire la ottimizzazione delle risorse messe a disposizione del parco per finanziare il mantenimento in purezza delle razze autoctone del Gargano. “Ribadisco il mio pieno e ampio sostegno agli allevatori garganici e il mio impegno ad agire, per quanto previsto dalla legge e nell’esclusivo interesse dello sviluppo del settore, per risolvere questa annosa questione che attanaglia un settore già fortemente in crisi. D’altro canto mi preme specificare che il lupo rappresenta la storia di questo territorio perché da sempre presente nel Gargano. La sua sopravvivenza in un territorio così antropizzato è motivo di orgoglio per noi e dovrebbe esserlo per tutta la comunità che dovrebbe anche imparare ad avere maggiore rispetto non solo per l’ambiente ma anche per il nostro patrimonio faunistico.”

4 commenti

  1. questa è una bellissima notizia !!!!!! se tornano i lupi vuol dire che l’ecosistema del gargano è sano !!!!!!! adesso attenti ai bracconieri !!!!!!!!!! il parco del gargano rimborsi eventuali danni causati agli allevatori da attività predatorie dei lupi……… se ovviamente sono veri perchè non dobbiamo dimenticarci che……..siamo meridiionali !!!!!!!!!

  2. marco ognissanti

    I danni dovranno essere rimborsati agli allevatori ma messi a disposizione dei lupi

  3. Felicetta Mancini

    questi ci sono veramente…..

  4. Ivana Merlo

    Che belli! In Foresta Umbra?

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici